Acquista su Amazon

Dello stato di New York, i Caroline Blue sono un trio solido e ben quadrato dedito ad un melodic rock vecchio stampo che prende ispirazione dai Kiss senza mai risultare una loro cover band, tanto meno figurare pacchiani e privi di personalità. Anzi, i nostri appesantiscono i suoni in fase di riffing, e viaggiano con una sezione ritmica più potente ed aggressiva garantendo un preciso marchio di fabbrica. "Slaves To The Hourglass" è la loro prima fatica in studio, un EP di cinque tracce( più due hidden tracks che non aggiungono molto in materia di contenuti: una song acustica, strumentale, ed una telefonata di Wayne che pubblicizza il disco ad una radio), dinamico e senza fronzoli che bada al sodo lasciando intravedere una poderosa propensione alla dimensione dal vivo(vastissimo il numero di cover che propongono oltre ai propri brani). La title-track e "Queen Of Pleasure", in tal senso, fanno la loro bella figura esprimendo al meglio il concetto di "wall-of-sound". Sugli scudi sicuramente Wayne Johnson, vocalist e chitarrista determinato e viscerale che trascina tutte le composizioni in un vortice fatto di elettricità e sudore pagando dazio di certo a Paul Stanley, tuttavia in grado di comunicare personalità e grinta. La produzione, purtroppo, non è delle migliori. I suoni sono troppo ovattati, e la batteria troppo "ottantiana", ma stiamo pur parlando di una sorta di autoproduzione, e quindi di mezzi a disposizione limitati.
Next big thing? Potrebbe essere. Le potenzialità non mancano, così come la determinazione ad affermarsi(furente il lavoro di promozione in rete, organizzato ed assai dettagliato). Da segnalare, in ultimo, che l'attuale formazione è diversa
da quella che ha registrato questo EP(Wayne a parte), e quindi non ne conosco l'effettiva valenza, ma stando a quanto afferma chi ha assistito ai loro show recentemente le prestazioni dovrebbero essere anche migliori.

In attesa del full-lenght, un aperitivo di quelli forti da "aprirti" per bene lo stomaco.

TRACKLIST

01. Slave To The Hourglass
02. Mine, Mine, Mine
03. Hard Life
04. The Queen Of Pleasure
05. Too Late

DISCOGRAPHY

Slave To The Hourglass 2005

VOTO 73   GUIDA AL GIUDIZIO 0-29 inascoltabile
30-39 disatroso
40-49 inconsistente
50-59 non sufficiente
60-65 si può ascoltare
66-70 positivo
71-75 interessante
76-80 soldi ben spesi
81-85 grande disco
86-90 eccellente
91-95 capolavoro
96-100 storia e leggenda.

RECENSORE Andrea Punzo  e-mail

VISITE: 428

Condividi

CAROLINE BLUE
SLAVE TO THE HOURGLASS -
[genere] Melodic Hard Rock
[label] Wwj Production
[anno] 2005

RECENSITO IL 29/12/2006

LINE UP

Wayne W. Johnson Guitars, Vocals, Bass
Monster Mike Merrifield, Dave Victory Drums
Jamie Criscione Bass

CONTATTI

Sito ufficiale 
Voto dei lettori: 0

Voto (0-100)

Commenti (0)

Nome
E-mail (Non sarà visualizzata online)
Homepage
Titolo
Commento
;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



 

BACK