Acquista su Amazon

Se ne è parlato a lungo, di "Damnation And A Day"; cambi di line-up, la firma per una major, i continui slittamenti. Ma ora il nuovo cd dei Cradle Of Filth è qui...sotto forma di un monolitico concept album che narra la nascita del Paradiso, dell'Inferno e di Lucifero.
Ora, chi mi conosce ha benissimo presente il mio astio per la band inglese, che ritengo fin troppo pacchiana, ampollosa e stucchevole, soprattutto quando si tratta di muoversi in territori sinfonici e lirici; se già il precedente "Midian" mi era piaciuto non poco, per via delle sue composizioni decisamente metalliche e thrasheggianti, il nuovo lavoro dei vampiri (ormai non più tali direi) albionici mi ha veramente lasciato impressionato. E dire che le premesse per un fallimento c'erano tutte; contratto major, spesso causa di rammollimenti e decadimenti vari, diciassette brani (fin troppi verrebbe da dire) e parti orchestrali in sovrabbondanza (proprio quello che odio!); invece no, mi tocca fare il contrario. "Damnation..." non è solo un gran bell'album, ma è anche molto aggressivo, scorrevole nonostante il numero di brani e perfettamente bilanciato tra sinfonia e cattiveria.

Quello che sono i Cradle Of Filth nel 2003 credo non lo sia nessun altro; nemmeno i Dimm Borgir riescono ad essere così variopinti e godibili, così accattivanti diciamocelo, perchè "Damnation..." ha davvero tanto di metal classico, ha davvero tanto pure di thrash e anche di black. Raramente verrete colti dalla noia ascoltando questo disco, qui ci troverete di tutto, brani brevi, più lunghi, parti tirate, melodiche, intermezzi sinfonici, l'apoteosi! "The Promise Of Fever", uno dei brani più aggressivi della produzione più recente dei Cradle, la splendida "Hurt And Virtue", "Thank God For The Suffering", dall'inizio quasi gothic rock con voce pulita e baritonale (ci credereste?), "Serpent Tongue", "Mannequin" dove una superlativa Sarah Jezebel Diva regge un riff melodicissimo con raffinata classe, il singolo "Babalon A.D.", mid tempo opprimente e sabbioso...ogni brano è un capitolo a sè che meriterebbe un analisi approfondita.

Detto questo, credo sia ora di esaminare la prestazione dei singoli; come sempre a livello tecnico siamo su ottimi standard, su tutti il grandissimo Adrian Erlandsson (certo se fosse rimasto nei The Haunted lo avrei preferito, ma vabbe), veramente migliorato e in grado di fornire una prova tecnica e spaccaossa al tempo stesso, un vero metronomo. Se chitarristi, tastieristi e bassisti vari se la cavano senza sfigurare, vorrei spendere qualche parola in più sulle due voci che ci accompagnano lungo il viaggio di "Damnation And A Day". Mr. Dani Filth, uno degli screamer che più aborro, ha finalmente imparato a cantare. Dimenticate gli urletti striduli, che ci sono ancora ma molto più rarefatti, e ascoltate una voce davvero incazzata e versatile, che riesce a passare dal semi pulito al growl che una maestria notevole. Faccio davvero i complimenti a Dani, e se lo dico io fidatevi... e poi c'è Sarah Jezebel Diva, mai così angelica come in quest'album, 'presente', e viva, riesce davvero a coinvolgere con una voce davvero splendida.
Non vorrei dilungarmi oltre, le mie impressioni le ho dette...fin dal primo ascolto ho avuto l'impressione di trovarmi davanti a un disco immenso, e questa mia opinione cresce ascolto dopo ascolto. "Damnation And A Day" è un disco che vi riserverà continue sorprese, se saprete apprezzarlo ve ne renderete conto. Un applauso ai Cradle Of Filth.


Un ottimo lavoro. Fatelo vostro e centellinatevelo nota dopo nota, ne varrà la pena.


TRACKLIST

01. A Bruise Upon The Silent Moon
02. The Promise Of Fever
03. Hurt And Virtue
04. An Enemy Led The Tempest
05. Damned In Any Language (A Plague On Words)
06. Better To Reign In Hell
07. Serpent Tongue
08. Carrion
09. The Mordant Liquor Of Tears
10. Presents From The Poison Hearted
11. Dobermann Pharaoh
12. Babalon A.D. (So Glad For The Madness)
13. A Scarlet Witch Lit The Season
14. Mannequin
15. Thank God For The Suffering
16. The Smoke Of Her Burning
17. End Of Daze

DISCOGRAPHY

Invoking The Unclean 1992
The Principle Of Evil Made Flesh 1994
Dusk And Her Embrace 1996
Vempire Or Dark Faerytales In Phallustein 1996
Cruelty And The Beast 1998
From The Cradle To The Enslave 1999
Midian 2000
Bitter Suites To Succubi 2001
Live Bait For The Dead 2002
Lovecraft And Witch Hearts 2002
Damnation And A Day 2003
Nymphetamine 2004
Nymphetamine 2005 2005
Peace Through Superior Firepower Dvd 2005
Thornography 2006
Harder, Darker, Faster: Thornography Deluxe [dvd] 2007


VOTO 85   GUIDA AL GIUDIZIO



CRADLE OF FILTH

DAMNATION AND A DAY -
[genere] Black Melodico
[label] Sony
[anno] 2003

RECENSITO IL 10/03/2003

RECENSORE Daniele Amato  e-mail

LINE UP

Dani Filth Vocals
Paul Allender Guitar
Dave Pybus Bass
Martin Powell Keyboards
Adrian Erlandsson Drums

CONTATTI

Sito ufficiale 
Voto dei lettori: 0

Voto (0-100)

Commenti (0)

Nome
E-mail (Non sar visualizzata online)
Homepage
Titolo
Commento
;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P