Acquista su Amazon

Siamo agli inizi degli anni ’80 e in principio furono i Venom, furioso ibrido di speed e thrash che all’epoca, soltanto per volere del chitarrista Jeff “Mantas” in un’intervista, fu denominato black metal. Seguì il genio di Quorthon, che dall’84 all’87, ridefinì il genere, portandolo allo status primordiale che oggi tanto si cerca di raggiungere. Ha navigato per lidi thrash metal, ma soprattutto ha anticipato l’ormai saturo mercato del viking.
Questo disco però, non rientra in nessuno dei tre casi / generi: terz’ultimo disco in studio per Quorthon, che compone e suona da sé (e non è una novità) e ci porta ad esplorare la sua ennesima sperimentazione, il suo ennesimo gioiello.
Il disco comincia già pregno di epicità, con un semplice arpeggio e dei lievi cori in sottofondo. Non è che l’anticipazione di una lunga apocalisse, di un brano che si protrae per circa sei minuti, abbandonandosi ad un facile tappeto ritmico, con la voce pulita del Nostro, a scandire un testo in parte visionario, anche se a tratti contro la religione (sempre tenendo conto che quelli erano altri tempi, ovviamente).
Credo non ci sia niente di più stupendo dei testi di questo artista, sopratutto nella sua personale visione del concetto di "estremo", palese in brani come la titletrack, in cui la magnificenza lirica si fa altissima ("Ho imbrigliato le stelle, ora slegate sulla terra, sono la Morte, Distruttrice dei Mondi") dandoci non pochi dubbi se questo lavoro sia o meno un concept sulla morte.
Cascate di riff ("Ode"), si susseguono a sfuriate thrash, e "Bleeding", assieme a "109" rappresentano la pura malvagità.
La voce sgraziata, diciamo volutamente stonata di Quorthon, rende sia i brani che il disco intero, ancor più affascinante. Da qui in poi, l’atmosfera si riscalda ancora di più: lo sottolinea sia la musica, più pesante, che i testi. Esempio chiaro è la già citata "109" dedicata addirittura al caccia tedesco, il famoso Messerschmitt; oppure la seguente "Death From Above", altro pesante riferimento alla Seconda Guerra Mondiale.
Quorthon sapeva come caricare l’ascoltatore con la sua musica, farlo meravigliare, catturarlo. Brani dalla struttura alla fin fine semplice, ma pur sempre dotati di una ritmica spaccaossa e assolutamente evergreen. 'Destroyer Of Worlds' emoziona, la chiusura lo dimostra: "White Bones", lo urla e impone la sua bellezza. Bellezza riscontrabile in continui cambi di tempo, cori, distorsioni dannatamente retrò, ed un atmosfera che puzza solamente di infernale maestria.


Morte e distruzione al servizio di Mr. Quorthon, suoni retrò e thrash metal in chiave epica.


TRACKLIST

01. Lake Of Fire
02. Destroyer Of Worlds
03. Ode-Espoir
04. Bleeding
05. Pestilence
06. 109
01. Death From Above
02. Krom
03. Liberty And Justice
04. Kill Kill Kill
05. Sudden Death
06. White Bones
06. Day Of Wrath

DISCOGRAPHY

Bathory 1984
The Return 1985
Under The Sign Of The Black Mark 1987
Blood Fire Death 1988
Hammerheart 1989
Twilight Of The Gods 1992
Requiem 1995
Octagon 1995
Blood On Ice 1996
Destroyer Of Worlds 2001
Nordland I 2002
Nordland Ii 2003


VOTO 85   GUIDA AL GIUDIZIO



BATHORY

DESTROYER OF WORLDS -
[genere] Death Thrash Metal
[label] Black Mark Production
[anno] 2001

RECENSITO IL 19/05/2009

RECENSORE Davide Montoro  e-mail

LINE UP

Quorthon All

CONTATTI

Sito ufficiale  MySpace 
Voto dei lettori: 78

Voto (0-100)

Commenti (0)

Nome
E-mail (Non sar visualizzata online)
Homepage
Titolo
Commento
;-) :-) :-D :-( :-o :-O B-) :oops: :-[] :-P