You are here: /

ABKEHR: In Asche

Abkehr inasche cd cover 1500x1500

data

10/05/2017
70


Genere: Black Metal
Etichetta: Sentient Ruin Laboratories
Distro:
Anno: 2017

Ah, ora vi voglio. C'è gente che invece di parlare del disco in questione si spende in lunghe digressioni sulla storia del gruppo in questione. Stavolta è andata male. Abkehr, sono due e sono tedeschi. Primo album. Stop. E non è veramente il caso di aggiungere altro perché la musica stavolta è veramente sufficiente a darci una dimostrazione delle loro potenzialità. Mi ero un po' allontanato da Sentient Ruin dopo qualche uscita che non mi aveva colpito o detto molto (Mind Mold e Common Eider, King Eider) e mi ritrovo totalmente rapito da 'In Asche'. È certamente più tradizionale rispetto ai due gruppi appena citati, ma anche per gli Unru e i Palace of Worms il black metal era diventato pretesto per dare nuova linfa al genere. Siete sempre in tempo per andare a spararvi le pose col nuovo attesissimo (ma da chi?) album dei Nargaroth, mentre la cassetta degli Abkehr si incrosta nel cervello. La produzione è tutta votata all'atmosfera e la nebbia si taglia con un coltello. Fitta e tenebrosa è la base su cui si innestano sfoghi degni di 'Under a Funeral Moon' dei Darkthrone, ma in chiave USBM: infatti presto i punti di riferimento diventano lavori più foschi come quelli dei Leviathan e dei Judas Iscariot. La voce di Raash è totalmente alienata, ispira suicidio lontano un miglio e -per quanto ne posso sapere- ora potrebbe anche essere impiccato, a penzoloni sotto un albero nel cuore della Foresta Nera. Le quattro tracce contenute in questa cassetta (e non poteva esserci formato migliore) sono innominate, innominabili, indefinitamente disperate e incarnano la via europea verso il black metal americano di quindici anni fa. E se non mi avessero detto che gli Abkehr sono alla prima demo avrei pensato che vengono proprio da quell'epoca: sicurezza da vendere e canzoni solidissime, aspettando di vedere come riusciranno a migliorarsi per resistere ad un minutaggio maggiore, magari insistendo sulle parti ambient.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Fbyc sez

FINE BEFORE YOU CAME
Monk Club - Roma

La curiosità mi spinge ad andare a vedere band delle quali non ho mai ascoltato nulla, ma il nome oppure l’aver sentito parlare bene di loro da amici mi intriga a tal punto da non perdere occasione per fiondarmi. Il 21 aprile scorso è stato il cas...

May 23 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web