You are here: /

ESDRELON: Dust In Our Eyes

data

18/02/2013
75


Genere: Death Thrash Metal
Etichetta: Casket Music
Distro:
Anno: 2012

Debut album infuocato per gli Esdrelon. Vengono dal Brasile, il che alza - e di molto - il loro tasso di cattiveria e di forza bruta. Per il semplice motivo che in ogni caso un gruppo brasiliano ha il dovere morale di essere più estremo e malvagio del resto del mondo. Si tratta di una attitudine che fa onore a certi gruppi, dai Sepultura in poi, compresi gli Esdrelon. 'Dust In Our Eyes' è una sassaiola infinita, che già dalle prime note si distanzia dal solito thrash/death. Sicuramente i fratelli Cavalera hanno avuto una grande influenza su di loro, ma i Nostri se possibile cercano di rendere l'ascolto il più vario possibile. La costante del disco sono delle immani schioppettate di basso che fanno temere per l'incolumità degli altri strumenti: la muscolatura ben in vista rende il tutto decisamente granitico. Qualche colpo si perde quando si va sul thrash piu puro, il "tu pa tu pa" non deve che essere relegato a pochi istanti, altrimenti si perde di vista la grossa grana di pezzi come "Agonizing In Faith" (che inizia con l'effetto alla "Ghost Of War" degli Slayer). Il cantato è una via di mezzo tra il Randy Blythe più arcigno e il tipico timbro di Chris Barnes (più il suo scream gorgogliato che il growl profondo). La distruzione è assicurata da un prova che si spinge fino a punti più estremi, con blast beat sparati e tale combinazione si voce: i Deicide non sono tanto lontani. Solo che qui sembra sentire la band di Glenn Benton a jammare nel bel mezzo della giungla e con un bel po' di groove da parte, come se alla ci fossero Allen West e Andreas Kisser. Potenti, forse non personalissimi in tutto il disco, ma capaci di spremere per bene il succo verdeoro dei brani migliori del lotto: "Voice Of The Exile" e la titletrack. Se sapranno limitare la lead guitar con manie di protagonismo e in vena di melodeath (irritante in "Disturbed" e "We Are Sick" soprattutto), riusciranno veramente a insidiare gli attuali Sepultura. I maligni diranno che non ci vuole chissà quanto, ma per una band al debutto è già molto.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Omsez

OM
Circolo Magnolia - Segrate (MI)

Esperienze mentali e sensoriali. Questo è ciò che si appresta ad affrontare quando si ascolta un album qualsiasi degli Om, la creatura che Al Cisneros ha creato dopo la prima parte dell’esperienza musicale e discografica con gli Sleep, e che &egra...

Aug 20 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web