You are here: /

I'LL EAT YOUR FACE: Hot Brains Terror

data

24/05/2012
65


Genere: Grindcore
Etichetta: Grindscene Records
Distro: Code 7
Anno: 2012

Oramai l'abbiamo capito che alla Grindscene non sono giusti di testa: dopo lo sludge mascherato da grind dei Fuckhammer, tocca al grincore sperimentale degli I'll Eat Your Face, che il gruppo stesso chiama "supergrind". Sperimentale perchè non hanno un cantante e sono solo un chitarrista e un batterista a fare tutto questo casino. In venti densissimi minuti 'Hot Brains Terror' ci riporta idealmente a più di dieci anni fa quando ancora giovani e sbarbatelli erano i mostruosi Pig Deatroyer (a proposito, che fine hanno fatto?) di Scott Hull. La violenza è la stessa, la filosofia che coniuga noise e nevrotiche plettrate è quella, manca il JR Hayes della situazione a latrare dietro al microfono, ma il risultato è comunque più che buono. I segmenti sono nove, ma potevano essere ventotto come un solo unico monolite, la materia è unitaria e omogenea (disturbante, ma attenzione anche alle melodie della seconda parte del platter): un pregio certamente l'aver creato la dimensione di un album, un difetto non riuscire a distinguere le canzoni. In questo frangente gioca un ruolo determinante l'assenza di un vocalist, perchè necessariamente la chitarra deve sopperire alla mancanza con riff che per una buona riuscita globale devono andare oltre la ordinaria amministrazione del grind prettamente d'assalto. Non sempre l'obbiettivo è centrato, una "Acid Worm Monsoon" prende a bastonate una "Castle Of Vomiting Owls" e le sue smanie da Cephalic Carnage ultima maniera, ma alcuni riff purchè buoni si ripetono a canzoni alterne. Piace la voglia di andare oltre gli schemi, si apprezza molto il sound quadrato che rende "Drowning Dogs In A Swamp" un post grind melanconico ed epico. Sulla scia di quest'ultimo pezzo è d'obbligo cotinuare, a meno che nella prossima letterina a Babbo Natale Barrytron e The Boy non vogliano chiedere un cantante per i loro pezzi.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Dtm

NERVOSA + BURNING WITCHES
Pumpehuset - Copenhagen (Danimarca)

Confesso di avere qualche pregiudizio nei confronti delle band metal totalmente formate da elementi di sesso femminile, e mi scoccia ammetterlo. Ma è un dato di fatto che non avrei mai preso i biglietti per questo concerto se non fosse stato che doveva aver lu...

Sep 24 2022

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web