You are here: /

PERFIDIOUS: Malevolent Martyrdom

630530

data

08/05/2017
67


Genere: Death Metal
Etichetta: Death Metal Industry
Distro:
Anno: 2017

Un giorno cercherò di fare una mappa con tutti i collegamenti tra i gruppi che mi piacciono, così quando i componenti di alcuni di loro si riuniscono in un nuovo progetto non cado dal pero. I Perfidious danno un seguito all'ottimo EP 'Cursing The Nazarene', certo, sono sulla carta al primo album, ma teniamo conto che i musicisti coinvolti sono vecchie conoscenze del metal estremo di casa nostra: ex batterista dei Mortifer e dei Phobic, bassista dai Golah (che fine hanno fatto, porca miseria?) e ex cantante dagli Onirik, di cui ricordo con affetto il loro split con Septycal Gorge, Modus Delicti e Fleshgod Apocalypse... appunto, quando questi ultimi facevano death metal insomma. Ma diradiamo la nebbia nostalgica: 'Malevolent Martyrdom' è qui, tostissimo e senza grilli per la testa. Seguendo il profondo e seminale solco dei primi grandi album dei Cannibal Corpse e dei Suffocation, i Perfidious ne suonano una versione leggermente più semplificata e vorace, ma anche con qualche tratto acerbo, almeno per ora. Tante ritmiche maciullano la carne come d'ordinanza, mentre viene messo in secondo piano l'aspetto solistico e di stratificazione dei riff perché probabilmente sono canzoni che vengono suonate così come le ascoltiamo ed è una gran bella cosa. Dal punto di vista della produzione arrivano alcune note dolenti. Chitarre, batteria e voce sembrano presi da tre dischi o sessioni di registrazione diverse e messe insieme in modo non compiuto: non esce dalle casse un suono organico perché i piatti molto in evidenza sono fastidiosi in "Ancient Voices Of The Past", "Preachers Of Hypocrysy" e "Perfidious" coprono il cantato ottimo di Dydacus e l'operato movimentato di Andrea (anche lui adesso negli Onirik, mi dicono dalla regia), nonostante il suo strumento abbia il suono più penalizzato e sembri quasi una demo rispetto a quanto fatto dagli altri compagni. Il potenziale c'è e si intravede, bisogna solo lavorarci sopra. Un po' come gli Psychotomy, che per ragioni simili ancora devono dare il loro meglio.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Fbyc sez

FINE BEFORE YOU CAME
Monk Club - Roma

La curiosità mi spinge ad andare a vedere band delle quali non ho mai ascoltato nulla, ma il nome oppure l’aver sentito parlare bene di loro da amici mi intriga a tal punto da non perdere occasione per fiondarmi. Il 21 aprile scorso è stato il cas...

May 23 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web