You are here: /

PYOGENESIS: A Century in the Curse of Time

data

10/08/2015
50


Genere: Pop Punk
Etichetta: AFM Records
Distro:
Anno: 2015

Ci si è trovati disorientati perfino davanti al black album dei Metallica, che aveva cambiato praticamente tutto nel loro sound ed era comunque un capolavoro. Figuriamoci quando il cambiamento radicale avviene in gruppi normali. Si rischia di perdere tutto. Ed è quello che hanno sperimentato i Pyogenesis, partiti dal death doom, sempre con i Paradise Lost nel cuore, poi diventati qualcosa che i fan per primi non hanno riconosciuto negli anni Novanta e poi dandosi alla macchia, con un silenzio che è durato tredici anni, di fatto azzerando poi la formazione originaria, eccettuato il cantante e il chitarrista (che però ha lasciato a quanto pare dopo le registrazioni). Un gruppo irriconoscibile, in sostanza, rispetto agli esordi, quello di 'A Century...' ma che mantiene qualche contatto con i dischi che già all'epoca furono scandalosi. Chi scrive ama il pop punk, l'hardcore melodico, generi che se suonati bene e in libertà possono dire molto. Ma qui dentro siamo ai limiti del taglia e cuci: tutto così squadrato, calibrato al millimetro, da risultare oltremodo macchinoso. Pennywise, Blink 182, cori ancora più melodici alla 30 Seconds To Mars, sommersi crauti: questo nel migliore dei casi. Perché la opener è totalmente diversa dal resto, quasi una presa per il culo rispetto a quello che si sente successivamente, con qualche growl e chitarre che sanno vagamente di Entombed sciolti nello zucchero filato. Le uniche emozioni provengono da qualche linea vocale, tanto lontana dal mondo rock e metal quanto emozionale. No, i Pyogenesis del 2015 non sono un gruppo emo, ma quando ascoltiamo la fuffa del pezzo conclusivo ci rammarichiamo che non lo siano diventati ...in pratica yeee yeee yeeeeeeeee (in crescendo) su una struttura sognante e promettente che poi si è sgretolata per la mancanza di... tutto. Manca il collante, in tutto il disco: elemento essenziale per rendersi appetibili a un pubblico, di qualsiasi tipo esso sia. Nessun problema se apprezzate questi tedeschi, però non fatelo solo per il loro lontanissimo passato perché del genere suonato c'è molto meglio in giro. 

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web