You are here: /

PYOGENESIS: A Kingdom To Disappear

626578

data

12/03/2017
75


Genere: Pop Rock, Metal
Etichetta: AFM Records
Distro:
Anno: 2017

Non ho cambiato idea più di tanto sull' ultima apparizione discografica dei Pyogenesis, i quali sembravano degli improbabili steampunk, a metà tra la storia e il fantasy, tra il pop e il metal. Ritengo ancora oggi che 'A Century In The Curse of Time' sia un ammasso mal congegnato, macchinoso e rude di distorsioni, melodie e cori. Il fatto è che presi singolarmente i passaggi isolati, le linee di chitarra acustica, le voci beatlesiane trasportate nel metal, rimanevano in testa. E quindi quell'album bruttino e ingombrante l'ho comunque ascoltato più e più volte, perché era un curioso tentativo di attaccamento alla vita di una band ormai dimenticata, e ci sono ricascato anche con il nuovo 'A Kingdom To Disappear' perché sentivo che poteva scapparci qualcosa di grosso se solo quei pezzi sparsi del puzzle Pyogenesis fossero stati collocati come... come... come? Non lo so, io scrivo, sta ai musicisti comporre, no? E infatti più di qualcosa è cambiata in meglio. Siamo sempre in un mare di sospiri e coralità, ma si è limitato ancora il growl (due canzoni) e le chitarre squadratissime che poco avevano dato al predecessore, e si è raggiunta una buona fluidità nel collegare i vari momenti delle canzoni. Anche la produzione è più umana e valorizza al meglio la emozionante voce di Flo, conferendogli una gamma di sfumature molto interessante. Sentitelo come vibra in certi passaggi, riesce a toccare veramente il cuore. L'aggressività diminuisce e possiamo sentire tracce del metal estremo solo nella oscura "Blaze, My Northern Flame" -non a caso la meno riuscita- e "Every Man for Himself and God Against All ", anche se lo sviluppo del brano è ben più armonico e fa specie sentire le ultime briciole di growl prima di un cantato maestosamente arioso. Attenzione però allo scopiazzamento (forse inconsapevole) della melodia di "Poison Heart" dei Ramones in "I Have Seen My Soul". Stupisce la parte centrale composta da "New Helvetia" e "That’s When Everybody Gets Hurt", delicatissima la prima e non plus ultra del gusto pop raggiunto dai Nostri la seconda. Non dimentichiamo che in "It's Too Late" sembrano i Foo Fighters o i R.E.M. e la traccia finale, che come nel disco del 2015 ha la struttura della suite grazie anche a una forte componente orchestrale, ma raggiunge picchi emozionanti all'epoca impensabili. Insomma, migliore produzione, canzoni complete, maggiore dimestichezza con tutti gli espedienti della musica più accessibile e radiofonica: chiamarsi come un brano dei Carcass non è mai stato così fuori luogo, ma con la classe dimostrata stavolta possono andare ovunque.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Candlemass

DOOM OVER BRIXIA
Circolo Colony - Brescia

Si aggira del piombo fuso nell’aria, viaggiando verso il Circolo Colony di Brescia, e il suo odore diviene sempre più pungente addentrandoci nel locale, nella serata di sabato 25 marzo, che celebra la nu...

Apr 20 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web