You are here: /

VULTURE INDUSTRIES: THE TOWER

data

10/10/2013
88


Genere: Avantgarde Gothic metal
Etichetta: Season Of Mist
Distro:
Anno: 2013

Avantgarde metal, quante volte abbiamo sentito pronunciare questa definizione della nostra musica preferita? Tante, troppe volte e fino a quando c'era qualcosa di veramente avanguardistico - ad esempio Celtic Frost, Voivod, Faith No More, Arcturus o Solefald - il termine, pur spaziando in lungo ed in largo era adatto, ora che la commistione dei generi è all'ordine del giorno, usare questa definizione sembra quasi volersene lavare le mani e catalogare tutto ciò che è "strano" come avantgarde. Nel caso dei Vulture Industries tutto questo calza perfettamente, data la somiglianza, sopratutto nel primo full lenght 'The Dystopia Journals' con gli Arcturus appunto, ma dire che siano una copia della band di Skold è quantomeno riduttivo sia per gli uni che per gli altri. I Vulture Industries aggrediscono direttamente l'ascoltatore con ritmiche serrate, potenti e con i vocalizzi baritonali di Bjørnar Erevik Nilsen, una specie di incrocio tra Mike Patton e Whiplasher Bernadotte dei Deathstars, questi ultimi poi, insieme ai fratellini Gothminister, vengono citati in maniera ricorrente durante la lunga "The Hound", incubo orrorifico di quasi dieci minuti che rappresenta il picco di questo disco, doppiata dall'altrettanto inquietante "The Dead Won't Mind" sulla quale aleggia lo spirito del reverendo Manson; ma è un po' tutto l'album a riservare sorprese, anche quando si finisce in maelstrom metallici come la title track, o "A Knife Between Us", si rimane spiazzati dalla naturalezza con cui gli inserti di piano anni trenta o organetti a manovella si incastrano con le atmosfere velenose create dalla band norvegese. Di sicuro rispetto al passato la band è cresciuta a livello di varietà tecnica, con parti ritmiche meno lineari, più varie e potenti che accentuano la componente metal su quella, chiamiamola prog - non prendete questa definizione con il solito modo di pensarla - mentre l'anima più folle dei Vulture Industries si manifesta con le ultime due "Lost Among Liars" e "Blood Don't Eliogabalus", quest'ultima poi ricorda i pazzeschi Devil Doll sia nel titolo, sia nella musica. Insomma, chi si trastulla con il mainstream rock stia alla larga da 'The Tower', questo è un disco per stomaci forti! P.S.: Quest'anno la band è stata in tour con i Leprous, tanto per intenderci...

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web