You are here: /

BRAIN DEAD: Menace from the Sickness

data

17/12/2013
74


Genere: Thrash Metal
Etichetta: Punishment 18 Records
Distro:
Anno: 2013

Quando si dice "gruppo operaio", bisogna pensare subito a band come i Brain Dead piemontesi. L'album d'esordio non era riuscito a sfondare oltre il pubblico dei thrasher duri e puri, a causa di una eccessiva derivatività che in alcune tracce era troppo evidente. Chi invece si ciba quotidianamente di quelle sonorità, è stato -come il sottoscritto- ripagato con un concentrato di violenza di discreto livello per essere un debutto, ma che sicuramente poteva essere migliorata. I Nostri hanno incassato le critiche e hanno cercato di migliorarsi, prendendosi ben cinque anni, cosa rara ai giorni nostri, in cui vediamo gruppi che pubblicano a getto persino i peti del proprio cane. Crediamo che nello sviluppo dei Brain Dead abbia influito anche l'innesto di due nuovi componenti (basso e chitarra), oltre a grandi sudate in sala prove. Introdotto da una malata copertina di Marco Hassmann (non la sua migliore opera, a dire il vero), 'Menace From The Sickness' è la risposta ai detrattori. Se 'In The Deep Of Vortex' era immediato e un po' acerbo, ora la durata dei pezzi si è fatta più consistente e le composizioni più articolate. Non si corre il rischio di annoiarsi, nonostante ancora una volta il thrash sia declinato tenendo conto di chiari riferimenti, come Testament e gli immancabili Exodus. La voce di Felix tiene in mano la situazione, pronuncia migliorata rispetto alla release precedente e capace di spaziare su vari stili. Il gruppo è in evidente crescita, tanto che pezzi come "Evil Dead" (tanto per citarne uno, ma sono tutti degni di nota) sono figli di questa rinnovata concezione più intricata e stratificata, che ci soddisfa a pieno. Si triturano le ossa con "Pay For A Better Life", dotata di ritmiche nervose che ricordano i vecchi Brain Dead, ma la titletrack e il suo sinistro riff di apertura ci portano direttamente nel mondo post-atomico riprodotto nell'artwork di copertina. Omaggio sensato e riuscito agli storici Broken Glazz, con la cover di "Total Despair" in coda. Per essere un album di old school thrash si fa sentire tante e tante volte.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Shoresnull

SHORES OF NULL
Traffic - Roma

‌In tempi di covid ritrovarsi ad un concerto metal in un club pieno per i 4/5 della capienza è una straripante vittoria. Il merito è tutto delle due band romane che hanno condiviso il palco (chiedo venia agli Inno che non troveranno copertura in qu...

Dec 28 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web