You are here: /

CARCASS: SURGICAL STEEL

data

16/09/2013
86


Genere: Death metal
Etichetta: Nuclear blast
Distro: Warner
Anno: 2013

2013, l'anno dei ritorni eccellenti! Dopo i Black Sabbath, con le dovute proporzioni, tornano anche i "marcioni" della Merseyside. Dall'oblio dove erano precipitati diciassette anni fa, risorgono i Carcass e lo fanno con un disco che segna un'involuzione nella loro parabola ascendente di creatività, nel senso che, nel bene o nel male, dal 1988 al 1995 avevano risalito un'altissima china partendo dalle nefandezze di 'Reek Of Putrefaction' fino ad arrivare all'inusualità hard rock di 'Swansong', passando per l'immensità del capolavoro di death melodico, ma al tempo stesso arcigno, che rispondeva al nome di 'Heartwork'. Le considerazioni che si possono fare su 'Surgical Steel' sono molte, partendo appunto da quell'involuzione di cui sopra. Sia chiaro, i Carcass non si sono rimessi a fare grind, ma il successore di 'Swansong' avrebbe potuto uscire solo in quegli anni - anche se 'Barbed Wire Soul' dei Blackstar, ossia la band senza Steer, poteva già esserlo - ora i Carcass sono tornati in quel periodo che sta tra 'Necroticism' e 'Heartwork', rispolverando l'immaginario chirurgico con la tremenda copertina e ritornando, anche se parzialmente, anche ai grugniti cupi dello stesso biondo chitarrista. L'effetto sorpresa non c'è più, chi ha amato le continue invenzioni di album in album susseguitesi in quegli anni resterà con un palmo di naso, ma da qui a dire che 'Surgical Steel' è un disco brutto ce ne corre. Anzi, l'album contiene delle novità comunque, "Mount Of Execution" che chiude la versione normale - il digipack ha un pezzo in più, il cd giapponese due - è il pezzo più lungo mai scritto dalla coppia Walker/Steer, dove la band di Liverpool si cimenta in uno pseudo doom che diventa subito una piece maideniana farcita di brutalità ragionata come solo - e sottolineiamo solo - loro riescono a fare! L'autoreferenzialità che si percepisce già dai titoli come "The Master Butcher's Apron" o "Unfit For Human Consumption" non è un limite, ma è una necessità per chi non ha vissuto quegli anni, anche perchè gli stessi pezzi pur pieni di riferimenti ai due album di inizio '90, sono talmente ben congegnati da essere inarrivabili per le centinaia di gregari che popolano il panorama attuale. La produzione di Andy Sneap è perfetta, forse troppo, un po' più di taglio grezzo ci stava, sopratutto i pezzi più aggressivi come "Captive Bolt Pistol" e l'iniziale "Thrasher's Abattoir" - "1985" è un'intro - ne avrebbero tratto giovamento, ma la cosa che più riempie il cuore di gioia è ascoltare la graffiante voce di Jeff che vomita i testi in bilico tra le due anime - patologica ed introspettiva - come ai bei tempi, contribuendo a rendere anche i pezzi più ottantiani delle vere e proprie perle di malignità; stesso discorso per gli assoli di Bill, stupendi squarci tecnico/melodici nel mare di pece creato dalla sezione ritmica, reparto a cui va comunque fatto un plauso, sopratutto a Daniel Wilding, il sostituto dello sfotunato Ken Owen - il quale si è ritagliato due piccoli camei in "Thrasher's Abattoir" e "Unfit for Human Consumption" - una macchina da guerra! Jeff ha detto in un'intervista che il disco è stato fatto per sè stessi, senza avere il timore che qualcuno lo giudichi, ed è proprio qui che sta la forza di questa incredibile band, forza che è mancata nel 1996, ma che ora è più radicata che mai e che la porterà a riprendersi tutto lo spazio che gli compete, ricominciando a spazzare via tutta la debole concorrenza, se mai ne hanno avuta.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Hellraiser wavegotikweekend header sa

WAVE GOTIK TREFFEN
- Lipsia (GER)

Quasi tutti i festival estivi sono andati incontro, dopo la cancellazione dell'anno 2020, anche a quella di questo 2021. Il Wave Gotik Treffen di Lipsia non fa eccezione in questo senso: dopo avere nel luglio dell'anno passato confermato per il maggio segue...

Jul 23 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web