You are here: /

EMERALD: Unleashed

data

16/09/2012
70


Genere: Heavy Power Metal
Etichetta: Pure Steel Records
Distro: H'Art
Anno: 2012

Non ci dilunghiamo sull'opportunità e sulla presa assolutamente nulla che puó avere un nome come Emerald. I numerosi gruppi omonimi - tutti rimasti a livello underground - lo testimoniano. Piuttosto, ci inerpichiamo in una strenua difesa di questi Emerald, quelli svizzeri. Zitti zitti (leggasi: nell'anonimato più totale) hanno collezionato ben sei full length, tutti caratterizzati da discrete idee in campo heavy power, tutti costantemente - purtroppo - ignorati. Dallo scorso album un nuovo cantante anima il gruppo elvetico, e non potrebbe fare meglio. 'Unleashed' segue il titolo e segna una svolta abbastanza considerevole nel loro sound: scatenato e thrashy (pur senza avvicinarsi al thrash metal effettivo). La prova di Winkler alla voce é di livello, si sente che è di scuola Dickinson, in "Eye Of The Serpent" anche troppo, ma ci mette un cuore enorme e interpreta meglio del cantante dei Maiden, avvicinandosi in acuti anche a Kotipelto degli Stratovarius. La pecca unica e grossolana del lavoro sono le scopiazzature, volute o meno, di "One Shot At Glory" dei Judas Priest e di riff di "Holy Smoke" degli Iron Maiden, rispettivamente in un paio di brani. L'impressione totale è che 'Unleashed' non brilli di luce propria. Colpisce la opener nella parte solista e nei cambi di tempo particolarmente violenti dell'assolo, in generale i solismi sono tutti degni di nota e mascherano la mancanza di originalità di base. Una versione rinforzata degli Iron Maiden sono questi Emerald, di quelli di 'The Final Frontier' con una maggiore e provvidenziale sinteticità. "Wrath Of God" spicca su tutte per la oscurità e il pathos, specialmente della parte conclusiva piano e voce.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Shoresnull

SHORES OF NULL
Traffic - Roma

‌In tempi di covid ritrovarsi ad un concerto metal in un club pieno per i 4/5 della capienza è una straripante vittoria. Il merito è tutto delle due band romane che hanno condiviso il palco (chiedo venia agli Inno che non troveranno copertura in qu...

Dec 28 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web