You are here: /

IMPIOUS BAPTISM: Wrath of the Apex Predator

data

02/05/2013
80


Genere: Black / Thrash Metal
Etichetta: Hells Headbangers Records
Distro: Hammerheart Records
Anno: 2013

Nei tipici discorsi metalloidi salta sempre fuori il confronto tra black norvegese e quello svedese, con gli oltranzisti a dire 'De Mysteriis D.O.M. Sathanas' e gli altri a violentarsi la testa con 'Panzer Division Marduk'. Poi arriva il colto della compagnia, che mette giustamente a zittire tutti con l'aiuto dell'armata del black transalpino. A questo punto, si può acconsentire e sprofondare con i Blut Aus Nord oppure rintanarsi nella propria caverna, sacrificare un agnello (si fa per dire...) e fregandosene dei vari dibattiti da Bar del Metal, marcire tra sè e sè con il bestiale black australiano. Jarro dei Nocturnal Graves (ha militato anche dei Destroyer 666) arriva al debutto sulla lunga distanza della sua creatura assetata di sangue, gli Impious Baptism, non assestandosi troppo lontano dalle band citate. Dopo un paio di mini cd, la prova del fuoco è superata in men che non si dica. Il genere è lo stesso della ex band di provenienza, un black che deve molto al thrash e ai suoi passaggi improvvisi e rabbiosi, ma anche al death più putrescente, quello di prima scuola. La voce in growl fa già la sua porca figura, visto che è spiritato come pochi, poi è subito il riffing vincente che colpisce. Non c'è fretta, c'è il tempo dello speed satanico e c'è quello del funerale della vostra triste convinzione che il black sia solo velocità sterile (il tour della morte con "Release The Titans pt. I" ad esempio). Si capisce subito che non è affatto violenza fine a se stessa, fa tutto parte di un preciso progetto di sistematica distruzione ad opera degli Impious Baptism. O forse dovremmo dire del solo Jarro, visto che fa tutto lui nonostante sembri, durante l'ascolto, una corsa disperata contro la morte, con un branco di lupi inferociti alle calcagna. L'omogeneità del suono fa sì che l'esperienza di 'Wrath Of The Apex Predator' sia totalizzante e massacrante, perchè unisce il nero, il rosso e l'acciaio: oscurità misantropica e cruento death (ancora, la titletrack é una sequenza blasfema di frustate).

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Hellraiser wavegotikweekend header sa

WAVE GOTIK TREFFEN
- Lipsia (GER)

Quasi tutti i festival estivi sono andati incontro, dopo la cancellazione dell'anno 2020, anche a quella di questo 2021. Il Wave Gotik Treffen di Lipsia non fa eccezione in questo senso: dopo avere nel luglio dell'anno passato confermato per il maggio segue...

Jul 23 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web