You are here: /

SLEEPY HOLLOW: Skull 13

data

05/05/2012
73


Genere: US Metal
Etichetta: Pure Steel Records
Distro:
Anno: 2012

Scavi archeologici alla Pure Steel. Dopo gli Zarpa tocca a un gruppo ingiustamente sepolto dal tempo e dagli eventi. Ventuno anni ci sono voluti per un sospirato secondo album. Sospirato per quei pochi che li ricordano come fulminei e onesti mestieranti del metal a stelle e strisce. Grande merito all'etichetta, ma ancora di più agli Sleepy Hollow che riescono a farsi notare con questo 'Skull 13' nel panorama musicale odierno grazie a canzoni imbevute nella tradizione, ma con un orecchio di riguardo per le novità (giusto un pizzico e sempre riferite al classic metal). Non ci sono tracce brutte, l'esperienza aiuta il gruppo ad essere quantomeno aggressivo e a catalizzare l'attenzione per tutta la durata del cd. Se la prova dell'ascolto saltuario, come divertissement, è brillantemente superata, non tutto il disco all'inverso può dirsi ispirato allo stesso modo. Le solite sgroppate di doppia cassa regolari e senza sbalzi d'umore hanno pure la loro età (Judas Priest e gran parte del metal teutonico), quando poi ci si mette ad inveire dietro al microfono con una voce che prende in egual misura da Halford e da Udo l'effetto caricatura è dietro l'angolo. La qualità strumentale comunque sopperisce a questa mancanza e allontana gli Sleepy Hollow dal paragone con gli svedesi Bullet. Curiosa e incoraggiante la metamorfosi del cantato che nelle ultime tracce è molto più originale e maestoso. Fortunatamente da "Bleed Steel" (che vive in funzione di un ritornello liberatorio messo su un piatto d'argento da una bridge molto riuscito) in poi i riferimenti ai Priest vanno affievolendosi, emergono melodie e atmosfere care ai Savatage degli anni Ottanta e a tutta una corrente di metal americano capitanata da Warlord, Helstar e naturalmente Attacker (ex band del cantante Bob Mitchell). "Epic" è tratta da un ipotetico terzo album degli Iron Maiden se questi fossero andati a registrarlo a New York collaborando con i Manowar. Peccato che nelle parti più veloci la batteria non sia affatto all'altezza e penalizzi il crescendo del pezzo. E' un po' una costante questo stile di Tommy Wassman: canonico nello speed, monotono nelle cavalcate, ma fantasioso negli stacchi e mid tempo. Lui è la forza di "Eternal Bridge", oltre ai riff forzuti di Steve Stegg che avrebbe avuto bisogno di un chitarrista ritmico più possente per dare spessore ai pezzi. A completare il quadretto il bassista dei Symphony X, mero allenamento per lui. Ma in fondo che senso avrebbe avuto un'impostazione prog in un disco del genere? Nessuno.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Festivalsez

DARK HORIZON OPEN AIR II
Museumpark Rudersdorf - Rudersdorf bei Berlin, Brandeburgo

A meno di due mesi dalla prima edizione gli organizzatori del Dark Horizon Open Air decidono di bissare l'evento. Inizialmente addirittura previsto per agosto, è stato poi posticipato per l'indisponibilità del luogo della prima edizione, in proc...

Oct 7 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web