You are here: /

HAPPY THE MAN: THE MUSE AWAKENS

data

30/03/2005
82


Genere: Progressive
Etichetta: Inside Out
Anno: 2004

Cult band americana che fece bella mostra di sé nella seconda metà degli anni '70 con due dischi valutati molto positivamente dall'avamposto critico sia coevo, sia successivo. Dopo quasi tre decadi i nostri ci riprovano e lo fanno nel miglior modo possibile scrivendo un disco fresco, genuino ed ispirato che prosegue sulla scia dell'originalità dei due dischi precedenti, e senza nessun sensazionalismo nè pubblicitario, nè trendista. "The Muse Awakens" è il frutto maturo di una ricerca sonora che guarda diritto in faccia all'emozione, e mette la qualità tecnica al servizio del mezzo espressivo per antonomasia. Poco meno di un'ora di musica in cui il duo Frank Wyatt e Stanley Whitaker, le anime principi della band, mette in scena una mistura di prog e fusion trasognante che a tratti vira nell'ambient, in altre, in due sole occasioni, "Contemporary Insanity" e Barking Spiders", nel prog vero e proprio dove i cambi di tempo si susseguono e gli strumenti danno segni di esuberante vitalità. Impreziosito dal talento e dalla classe alle tastiere da David Rosenthal (i più attenti ricorderanno i suoi trascorsi con i Rainbow, e con la sua fenomenale creatura Red Dawn), il disco fonda tutta la sua magniloquenza su un impatto interamente strumentale(tranne che in "Shadowlites"), che strizza l'occhia alla scuola di Canterbury ed ai fondamentali quanto incredibili Weather Report, ma riuscendo ad inanellare uno dietro l'altro spunti di creatività invidiabili, e virtuosismi emozionali che inducono al sogno.
In poche parole, un come-back da favola.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Shoresnull

SHORES OF NULL
Traffic - Roma

‌In tempi di covid ritrovarsi ad un concerto metal in un club pieno per i 4/5 della capienza è una straripante vittoria. Il merito è tutto delle due band romane che hanno condiviso il palco (chiedo venia agli Inno che non troveranno copertura in qu...

Dec 28 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web