You are here: /

A TORTURED SOUL: LUCIFER'S FATE

data

17/05/2010
85


Genere: US/Classic
Etichetta: Pure Steel Records
Distro:
Anno: 2010

Dal nome della band, dal titolo dell'album e dalla copertina avrei scommesso che questi A Tortured Soul fossero un combo europeo dedito al death, ed invece no. Gli A Tortured Soul sono americani, da Milwaukee, sono attivi da circa otto anni e sono, con questo 'Lucifer's Fate', al terzo album rilasciato dalla Pure Steel Records. Musicalmente parlando questa band è dedita ad uno US metal pesantemente contaminato da un oscuro heavy classico di scuola Mercyful Fate (il singer Rick Black quando si lancia nel falsetto è davvero uguale a King Diamond), e sporcato da un leggero velo doomy Black Sabbath-style che affiora ogni tanto. Prodotto molto bene, il disco è composto da nove belle canzoni, dotate di un songwriting semplice ma vincente ed ispirato; partendo da un intro da brividi, gli highlights dell'album non si contano, e sono molti di più i momenti positivi che quelli negativi, partendo dalla title track, ruvida e potente, per passare alla classica ed epica song sulle maledizioni egizie con "Eye Of Ra". "Ashes To Ashes" parte a low tempo per poi esplodere, mentre "Dark Chapel" è dura e d'impatto, prima che l'ombra dei vecchi Iced Earth si affacci con "Fallen". L'evocativa ed epica "Rust", e la veloce "Reign" precedono la bella ed estremamente varia "Winterkill", che chiude l'album nel migliore dei modi. Dal punto di vista tecnico nulla da dire, davvero tutti molto bravi, ed un plauso particolare per il singer Rick, eccezionale nell'uso del falsetto, vero e proprio clone del Re Diamante. Un album ben fatto, che non annoia. Bravi davvero.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Shoresnull

SHORES OF NULL
Traffic - Roma

‌In tempi di covid ritrovarsi ad un concerto metal in un club pieno per i 4/5 della capienza è una straripante vittoria. Il merito è tutto delle due band romane che hanno condiviso il palco (chiedo venia agli Inno che non troveranno copertura in qu...

Dec 28 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web