You are here: /

blood cult: we are the cult of the plains

data

20/02/2010
60


Genere: southern rock/BM
Etichetta: Moribund Records
Distro:
Anno: 2010

Provenienti da un minuscolo villaggio dell'Illinois sperduto fra i campi di pannocchie, i Blood Cult sono tre contadinotti che da una quindicina d'anni scimmiottano BM europeo mischiato con musica country/southern rock locale con risultati prossimi allo zero (un solo full lenght album, fra l'altro lo scorso anno a fianco di una marea di demo). 'We Are The Cult Of The Plains' è un dischetto semplice semplice, che ad un ascoltatore europeo di BM farà cadere subito tutti i peli dall'inguine per quanto suona ridicolo, pungente, blasfemo (in senso cattivo): unire un BM scarno ed estremamente essenziale, inteso per lo più come suoni di chitarra e voce al vetriolo ("My Forest Home" l'unica canzone paragonabile al nostro BM) con un southern rock (per il quale mi rimane difficile trovare termini di paragone) è sinceramente un abominio, visto che le canzoni sembrano suonare o uno o l'altro genere, non vi é un'effettiva commistione fra i due o laddove vi è, si tratta di songs country con tremolo e screaming vocals (ed in "Illinoisan Altar" sembra esserci Ritchie Blackmore direttamente dai primi anni '70 a suonare i leads di chitarra) . Il tutto con una produzione da porcile ed un'attitudine disinteressata al (improbabile) successo discografico, tant'è che questo disco non ha nemmeno una copertina, attualmente. Ma come già spiegato i Blood Cult fanno parte di quella schiera di bands americane che se ne fregano di andare "avanti" con la propria musica, potranno passare tutta la vita a fare demo e a non vedere il becco di un quattrino, registrano quando ne hanno voglia, chi se ne frega della copertina, dei testi, di una produzione cristallina, i soldi non ci sono e tanto poi ormai la panza aumenta ed il capello cade. Chi se ne frega. 'We Are...' ne é la prova lampante, apprezzabile sotto questo aspetto, ed in definitiva un ascolto piacevole per i 50 minuti buoni di durata. Chissà se ne risentiremo ancora parlare o li daranno per dispersi in mezzo a qualche campo di mais. N.B. interessante la bottom line note: "THIS ALBUM FEATURES NO SILLY MOSH, NO STUPID RAP, NOT A WHOLE LOT OF CLEAN VOCAL STYLINGS, NO FACE PAINT, NO GENE SIMMONS FIRE TRICK , AND NO FUCKING WORSHIP OF 90S OR 00S STUPID BULLSHIT FAKER CARBON COPY "METAL"

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Dksez

DIE KRUPPS
Babel - Malmö

Tre anni e mezzo dopo la loro precedente apparizione nella ex chiesa, oggi club Babel, i Die Krupps si ripresentano nello stesso luogo due giorni prima della loro apparizione al limitrofo Copenhell Festival. In apertura si esibiscono gli svedesi Morlocks. La band, pu...

Jul 24 2024

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web