You are here: /

BLOODBATH: The Arrow Of Satan Is Drawn

data

26/11/2018
80


Genere: Death, Black Metal
Etichetta: Peaceville Records
Distro:
Anno: 2018

Arriva l’inverno e per gli amanti del sulfureo crushing death metal svedese torna l’aria gelida proveniente dalla Scandinavia che ha reso famosi Entombed, Dismember, Unleashed ed i progenitori Carnage (dalla cui scissione quasi tutto ebbe inizio); eccovi i Bloodbath (supergruppo che ha visto militare nelle sue fila Mikael Akerfeldt degli Opeth, Peter Tagtgren degli Hipocrisy, Dan Swano degli Edge Of Sanity ed ora vanta Nick Holmes dei Paradise Lost, autore di una prova superiore a qualsiasi previsione, Blakkehim e Jonas Renske dei Katatonia), banchettare con carne umana per il ventennale della band (il video di “Chainsaw Lullaby” è rappresentativo in tal senso). Chitarre grasse, sound tritacarne, sepolcrale ed imperioso che dilania e fa sanguinare i padiglioni auricolari, tastiere epiche che talvolta enfatizzano il tutto mcome in “Chainsaw Lullaby” (modello ‘Left Hand Path’ degli Entombed); “Bloodicide” è un esempio tipico: riff acuti e velocissimi con rallentamenti claustrofobici (mortiferi in “Only The Dead Survive”), che rapiscono grazie a quel groove tanto caro ai Destruction (inventori dei cosiddetti riff grattugia presenti nella parte centrale del brano subito dopo i quali vengono chiamati in causa i Death di ‘Spiritual Healing’), e vede la partecipazione straordinaria del triumvirato di ugole britanniche: Karl Willets (Bolt Thrower), Jeff Walker (Carcass) e John Walker (Cancer). “Levitator” ricorda alcune soluzioni stilistiche dei Pungent Stench (per restare nell’area teutonica delle influenze), assoli melodici tipici del vecchio heavy metal in “Deader” che vede i Dismember tra gli alfieri di questa attitudine. “Warhead Ritual” è death’n roll, senza velocità folle, ma ugualmente devastante e con un interessante giro di chitarra! Scimmiottano il punk metal dei Motorhead al punto da far sembrare “Wayward Samaritan” una cover; non lesinano neanche il black metal industriale in “Fleischmann” con un contagioso e melodico assolo centrale; le liriche vertono sul gore con una vena critica a sfondo sociale. Le buone tradizioni servono a ricordarci da dove tutto proviene ed a toglierci un po' di ruggine dalle orecchie. Una magnifica fusione di influenze senza soluzione di continuità.

A cura di Igor Fanelli e Gianmassimo Sardiello

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Ben frost 630x400

BEN FROST
Auditorium Parco della Musica - Roma

Compositore di musica elettronica australiano trasferitosi in Islanda, è una delle nuove leve che ha già alle spalle diverse produzioni per serie Tv, film e cortometraggi; le sue creazioni sono caratterizzate da una ritmica sganciata dall’evoluzio...

Dec 14 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web