You are here: /

CARINOU: BOUND

data

08/07/2004
70


Genere: Elettro-Goth
Etichetta: Code666
Anno: 2004

Curioso e particolare questo "Bound" dei Carinou, progetto di Fredrik Söderlund (Puissance) che stupisce per la proposta tutt'altro che prevedibile costruita assieme a Meggie Elfving (conosciuta per il contributo che ha dato alla scena elettro-pop svedese, basti pensare agli album dei "The Ark"). Il cd scorre su facili coordinate synth-pop rese oscure ed alternative grazie alla massiccia dose di elettronica dalle forti tinte goth. Il "Negative Metal" che è stato accostato dalla band stessa a questo lavoro, non si addice in verità a chiarire il genere musicale che contraddistingue il disco in questione in quanto di negativo, a parte i testi, non ci vedo poi molto e sinceramente di metal qui dentro ce n'è ben poco (a parte qualche ritmica di chitarra abbondantemente distorta e relativamente cattiva). Piuttosto, accosterei i Carinou ai Placebo più elettronici e ruffiani di qualche anno fa anche perchè la voce che guida i pezzi dell'album è dannatamente simile a quella di Brian Molko rendendo la somiglianza ancor più evidente (ascoltate l'opener "Vivid" ad esempio). La varietà dei pezzi rende piacevole l'ascolto e permette di avere un'ampia visione di quello che la band è in grado di produrre; si passa infatti dalle lente e sognanti "Alone" e "Carinou" alle più aggressive "Trust" e "Bound", dalla visionaria "Purge" alla seducente "Whore" etc. Già dal primo ascolto le canzoni riescono a colpire, rimangono impresse per le facili melodie che, anche se mai banali, creano momenti a volte dolci ed intensi, altre volte più maestosi e frenetici. Nonostante l'apparente commercialità, consiglio questo disco a chi è stanco della solite nuove uscite che hanno quel gusto di "già sentito" e soprattutto a chi l'elettronica non da così tanto fastidio.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web