You are here: /

CELTIC FROST: MONOTHEIST

data

12/06/2006
41


Genere: Celtic Frost
Etichetta: Century Media
Anno: 2006

A volte ritornano. A volte ritornano, anche quando non dovrebbero. Per anni Tom G. Warrior ha negato la tanto sperata resurrezione dei Celtic Frost (autori di robetta come “Morbid Tales”, “To Mega Therion” e “Into The Pandemonium”, pionieri del concetto stesso di avantgarde metallico) gettando continuamente acqua sul fuoco di una possibile reunion. Nemmeno un serrata campagna di ristampe nel 2001 fece cambiare idea agli ex membri della band; nel 2004, invece, ecco la notizia che tutti speravano. I Frost si rimettono insieme con qualche inevitabile cambio di line-up per suonare dal vivo e soprattutto incidere un album, che arriva ora nei nostri stereo. “Monotheist”, co-prodotto dalla band insieme a Peter Tägtgren, secondo i pronostici non avrebbe potuto deludere nessuno visti i nomi coinvolti e la genialità musicale delle menti compositrici. E invece “Monotheist” è la sorpresa più amara di questo 2006, finora. Che i tempi siano cambiati e i Celtic Frost non potessero riproporre le stesse cose degli anni ’80 era palese; questo ritorno sulle scene gioca dunque molto su atmosfere plumbee e oscure, un miasma nel quale le accelerazioni sono ridotte al lumicino (giusto la discreta opener “Progeny” e poco altro più avanti) per fare spazio ad antri di desolazione e solitudine. Il problema è, siamo davanti a una sorta di lagna che si protae per quaranta minuti; quaranta minuti di riff ripetitivi, composti perlopiù coi piedi e idee pressochè assenti. Viene solo da chiedersi perchè. Perchè? Perchè “Ground” è uno dei pezzi più brutti mai ascoltati da orecchio umano con il suo ‘oh god why have you forsaken me’ ripetuto mille volte, perchè i buoni spunti di brani come “A Dying God Coming Into Human Flesh”, “Os Abysmi Vel Daath” o la lunga “Synagoga Satanae” si perdono nel pattume più triste e avvilente. Questi non sono i Celtic Frost; questi sono solo tre (anzi, due) signorotti dal passato glorioso che hanno ripreso in mano un giocattolo che non sanno più far funzionare. Io non voglio premiare una cosa del genere. Non voglio premiare un disco che se non avesse scritto sopra Celtic Frost, Century Media e Peter Tägtgren se lo filerebbero in cinque. C’erano più CF negli Apollyon Sun che in “Monotheist”. Addio.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web