You are here: /

DARK ANGEL: LEAVE SCARS

data

24/05/2006
80


Genere: Thrash Metal
Etichetta: Combat
Anno: 1989

“Leave Scars” è l’album che segna il debutto di Ron Rinehart all’interno della band capeggiata da Gene Hoglan, per una scelta che col senno di poi (e con gran rispetto comunque per Don Doty), si rivelerà assolutamente vincente, anche e soprattutto in considerazione del capolavoro successivo. Dal punto di vista concettuale notiamo come l’orrore per i Dark Angel, non sia più rappresentato da uno zombie affamato che si trascina in una notte senza luna in cerca di carne fresca. Ora l’orrore è reale e assume le sembianze del rispettabile vicino di casa che dietro il sorriso di tutti i giorni nasconde un’anima da pervertito e assassino. Con il presente lavoro ci troviamo di fronte ad una sorta di prova generale per quello che sarà il riconosciuto masterpiece successivo: non a caso quando si parla di cicatrici (“Leave Scars”), è chiaro come queste non possano essere guarite nemmeno dallo scorrere del tempo (“Time Does Not Heal”). Dunque una realtà terribile e pessimistica quella dipinta dai Dark Angel, frutto in primis dell’ossessione di Gene Hoglan per certe delicatissime tematiche: “The Death Of Innocence” non ammette interpretazioni e delinea un quadro impressionante con una ferocia e un senso realistico che tolgono il fiato, così come la title track, dove Rinehart urla come fosse diventato la personificazione di ogni male. Rispetto alle precedenti release appare evidente come il thrash metal dei Dark Angel si sia fatto più articolato e personale, distaccandosi maggiormente dalle influenze slayeriane che ne avevano segnato gli esordi; Durkin e Meyer macinano riff su riff, adeguatamente supportati da un muro ritmico compatto e inattaccabile. Da segnalare, oltre alla cover degli Zeppelin “Immigrant Song”, anche l’ottima strumentale “Cauterization” (oltre sette minuti di goduria thrash) e la già citata opener “The Death Of Innocence”.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Mdslide

METAL DAYS - WEEKEND OF SOLACE
- Tolmin

Il festival Metal Days era stato cancellato, ma gli organizzatori, con minimo preavviso, visto l'opportunità di organizzare qualcosa di simile e forti di 2000 potenziali adesioni richieste via web entro una certa data per portare avanti il processo organiz...

Sep 23 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web