You are here: /

OPETH: BLACKWATER PARK

data

26/11/2005
82


Genere: Progressive Death Metal
Etichetta: Music For Nations
Anno: 2001

Il quinto album del quartetto svedese è forse quello che ha contribuito maggiormente all'affermazione della band a livello mondiale e che ha permesso ad Åkerfeldt e soci di godere di quella visibilità che già avevano sfiorato col precedente "Still Life", ma che avrebbero sicuramente meritato anche anni prima. La consacrazione arriva dunque grazie a questo lavoro oscuro ed enigmatico, in cui toni onirici e soffusi si alternano a soluzioni più corpose e tormentate, ma dove non sembra mai esserci serenità: qui tutto è opaco, indefinito e distorto da un sentimento misto di sofferenza e rassegnazione. Non c’è luce negli accompagnamenti acustici delle due chitarre, non c’è più traccia di quel calore, di quella passione che invece possiamo riscontrare nel precedente album. Le melodie di “Blackwater Park” sono echi lontani che arrivano a noi attraverso nebbie impenetrabili, capaci di sottrarre forza vitale al suono degli Opeth e lasciandoci quindi brani dalle tinte più abuliche e più difficilmente assimilabili al primo ascolto. L’aspetto per così dire diafano che caratterizza per buona parte questa nuova fatica targata Opeth non è però nulla per cui scandalizzarsi, ma semplicemente un nuovo passo in avanti nell’inarrestabile processo evolutivo del combo scandinavo. Qui i nostri hanno voluto dar vita ad un album freddo, distaccato, per certi versi apatico e ci sono riusciti pienamente. “Harvest” è forse il pezzo più rappresentativo di quanto detto fin’ora, anche in considerazione di un testo che non lascia adito a dubbi di alcun tipo: “Into the orchard I walk peering way past the gate Wilted scenes for us who couldn't wait Drained by the coldest caress, stalking shadows ahead Halo of death, all I see is departure Mourner's lament but it's me who's the martyr” Senza dimenticare “The Drapery Falls”, perfetta nella sua drammaticità, “The Leper Affinity” e la stessa title track, pezzi intriganti che contribuiranno ad allargare ulteriormente la schiera di fan degli Opeth.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Lordofthelost 26gennaio2019

LORD OF THE LOST
Exenzia - Prato

A distanza di un anno dalla loro ultima visita in terra nostrana, i Lord Of The Lost scelgono Prato come unica data italiana per far ripartire il tour di Thornstar, ultima fatica in studio della band di Amburgo uscito lo scorso agosto. Ad aprire le danze, i J...

Feb 13 2019