You are here: /

PLATITUDE: SECRETS OF LIFE

data

14/06/2003
70


Genere: Power Neo Classic
Etichetta: Scarlet
Anno: 2003

Il Nord Europa è sempre stato fucina di nuovi talenti che negli anni hanno scritto pezzi di storia, inventando talvolta precisi generi musicali! In ambito melodico, chi non ricorda circa 20 anni fa, il grande successo degli Europe che diede vita a tutta una generazione di band pop ed hard rock...chi non ricorda, poi, le origini di un certo signore delle sei corde, dal nome tanto difficile quanto noto quale è Yngwie Malmsteen? Potrei andare avanti e fare nomi di band collocate in altri generi musicali, affini o totalmente differenti, ma mi fermo quì, perchè i due nomi da me menzionati, sono quelli che hanno fatto venir voglia di imbracciare gli strumenti a questi 7 ragazzi che compongono la band dei Platitude. All'epoca degli esordi di Europe e Malmsteen, i Platitude non esistevano ancora...non stupitevi della frase apparentemente ovvia, intendo dire che nessuno dei 7 componenti era ancora nato, visto che gli stessi hanno un'età compresa tra i 16 ed i 20 anni! Proprio la giovane età di questi ragazzi marchia positivamente e negativamente le tracce del loro primo CD, visto che si sente a tratti la loro inesperienza (non certo strumentale, però!) ma al contempo anche la loro freschezza e fantasia. Che dire! In senso generale, il disco si avvia sui classici territori di un certo power sinfonico più volte sentito e certamente l'originalità non fa parte degli aspetti rilevanti da mettere in luce parlando di "Secrets Of Life". Sicuramente il disco è ben suonato, gli assoli sono di gran pregio e le rincorse tra chitarre e tastiere (ci sono ben 2 tastieristi a dare corpo alla sezione melodica e d'accompagnamento) risultano piacevioli. Altro elemento di spicco è la particolarità della voce di Erik. Infatti, visto il genere proposto, ci si sarebbe attesa un'ugola dal timbro altissimo, invece, il giovane singer si presenta al pubblico con un piglio più power che speed/sinfonico. In altre parole, la voce ricorda più gente come Russel Allen dei Symphony X (prendete il paragone con le dovute cautele e con i guanti moooolto spessi!) che come Timo Kotipelto degli Stratovarius e secondo me questo è, al di là della poca originalità delle composizioni, un elemento distintivo e positivo dell'identita della band. A livello complessivo, questi Platitude mi ricordano vagamente i Sonata Arctica (ma molto vagamente!!!), anche se risultano meno innovativi della band finlandese. Per quanto riguarda le canzoni, si fanno notare l'iniziale "Deception" (un impatto power-speed-sinfonico e un ritornello che prende subito), la bella ballad "Memories" (ricorda moltissimo i classici del genere partoriti dal maestro Malmsteen che fu!) e soprattutto "Raining Tears" che risulta essere un brano diverso dagli altri, più grezzo, meno tirato e più potente, in alcuni passaggi, molto prog-oriented...sembra addirittura di stare ascoltando un'altra band!...se in futuro sarà questa la strada che i 7 svedesi intrapernderanno, credo che ne sentiremo delle belle. Il resto delle canzoni, filano via lisce e senza particolari sussulti...apprezzabili tecnicamente e musicalmente, ma niente più. Sicuramente, i Platitude dovranno maturare molto e costruirsi una loro personale identità. Sicuramente ci sono molti spunti che rendono buono questo disco e, soprattutto, che fanno ben sperare per il futuro.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Festivalsez

DARK HORIZON OPEN AIR II
Museumpark Rudersdorf - Rudersdorf bei Berlin, Brandeburgo

A meno di due mesi dalla prima edizione gli organizzatori del Dark Horizon Open Air decidono di bissare l'evento. Inizialmente addirittura previsto per agosto, è stato poi posticipato per l'indisponibilità del luogo della prima edizione, in proc...

Oct 7 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web