You are here: /

S.O.D.: SPEAK ENGLISH OR DIE 20th Anniversary Edition

data

25/05/2005
90


Genere: Thrashcore
Etichetta: Megaforce Records
Anno: 2005

Edizione speciale che commemora il ventesimo anniversario dall’uscita per il debutto dei quattro folli S.O.D., sorta di costola degli Anthrax (ben ¾ della band è composta infatti da membri attuali e passati della band statunitense: Scott Ian alle chitarre, Dan Lilker al basso e Charlie Benante dietro le pelli) che vede alle vocals un omone burbero e grosso di nome Billy Milano. Per chi non conoscesse “Speak English Or Die”, sacrilegio!!, abbiamo davanti un disco che pesca a piene mani dal thrash metal e dall’hardcore anni ’80, sound del quale è ben rappresentativo: stacchi ai limiti del grind, passaggi da vero e proprio mosh e sane dosi di tupatupa accompagnano i ventuno brani del disco, dalla durata media di due minuti ciascuno. Quasi ogni pezzo meriterebbe una menzione particolare: la strumentale e marziale intro “March Of The S.O.D.” e la dichiarazione di intenti del mitico Sargent D., una sorta di Eddie S.O.D.iano, con la seguente “Sargent D. And The S.O.D.”, la thrasheggiante “Kill Yourself”, la pesantissima “Milano Mosh” (un titolo, un programma) o l’esilarante “Milk”, nella quale viene giurata vendetta nei confonti della propria madre da parte del protagonista, rea di non aver comprato il latte per la colazione (‘Opened up my fridge, and to my dismay, there was no milk, my mother will pay!’). Per non parlare delle altrettanto goliardiche schegge della durata di pochissimi secondi, “Anti-Procrastination Song”, “Hey Gordy” e le micidiali due tracce conclusive “The Ballad Of Jimi Hendrix”, il cui è testo è semplicemente ‘you’re dead!’ (esperimento che verrà ripetuto nel secondo lavoro in studio della band, il valido“Bigger Than The Devil”, con “The Ballad Of Michael H.” e “The Ballad Of Phil H.”), e “Diamonds And Rust (Extended Version)”, il brano migliore del lotto. Le tematiche del disco sono parodie estremizzate della tipica mentalità reazionaria statunitense: razzismo, superomismo spicciolo, ‘fuck the middle-east’ e cose del genere, declamate dall’immaginaria voce del già nominato Sargent D. attraverso l’ugola di Milano; passando a questa nuova edizione, troviamo in aggiunta al disco due trascurabili studio tracks inedite e un breve concerto live registrato a Tokyo nel ’99. La resa sonora è decisamente risibile (la chitarra di Ian è il più delle volte sommersa da tutto il resto) ma la band diverte più di una volta tra un brano e l’altro, toccando l’apice in “Not/Momo/Taint/The Camel Boy/Diamonds And Rust/Anti-Procrastination Song” nella quale cerca di battere il proprio record ‘6 songs in 9 seconds’ tentando di arrivare a 8 secondi. Per chi non possiede “Speak English Or Die” è un acquisto praticamente obbligato, mentre per tutti gli altri il plusvalore non vale la spesa, a meno che non siate fan irriducibili degli S.O.D.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Rb

REB BEACH
Let It Beer - Roma

Una delle quattro date previste in Italia. La penultima. Due parole le spendiamo per Reb, anche se molto probabilmente inutili. Ma proprio due parole: Winger e Whitesnake. Bastano per contestualizzare la grandezza di Reb e la fortuna di essere lì, praticamente...

Nov 12 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web