You are here: /

SINNER: Tequila Suicide

Sinner tequila suicide 480x480

data

20/04/2017
70


Genere: Hard Rock
Etichetta: Afm Records
Distro:
Anno: 2017

Una vita da mediano. No, non stiamo parlando del ben noto cantautore emilano, bensì di Mathias Lasch, in arte Mat Sinnner, a cui può essere affibbiata benissimo questa definizione grazie ai trentacinque anni e passa dedicati alla musica, ma ancora ben lontano dal pensionamento. Un vero e proprio operaio specializzato dell'industria hard & heavy. La discografia dell'artista teutonico riferita al progetto solista è sempre stata contrassegnata da onesti episodi (alcuni anche rimarchevoli), che hanno più o meno sempre soddisfatto le esigenze dei fan, ma i migliori responsi li ha ricevuti mettendo le proprie competenze al servizio altrui, soprattutto quando si è unito con Ralph Scheepers dando vita agli eccellenti Primal Fear. Nemmeno 'Tequila Suicide', che vede il ritorno nella truppa di Tom Naumann e l'ingresso del nostro Francesco Jovino riesce a sottrarsi a questo destino. Mat ci presenta per l'ennesima volta un lavoro che rispetta fin troppo fedelmente i canoni del genere, con alcuni brani sopra le righe e altri oggettivamente più trascurabili. Come sempre le influenze dei Thin Lizzy spadroneggiano lungo tutto il tracciato (in particolare nella grintosa "Go Down Fighting", nella spedita title track e nella gustosissima "Gypsy Rebel"), con una certa devozione al Gary Moore dell'epoca Wild Frontier/After The War in "Battle Hill" che profuma di hard rock celtico lontano un miglio. Apprezzabili anche "Dragons" e "Road To Hell" le quali strizzano l'occhio anche ai Bonfire (soprattutto la prima), mentre nei brani dall'andamento più compassato l'entusiasmo viene smorzato nonostante i puntuali interventi solisti del fido Naumann, niente che possa pregiudicare in maniera grave l'apprezzabilità e la genuinità del lavoro di un musicista ancora sottovalutato, un'artista tutto d'un pezzo come pochi nel panorama odierno.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Fbyc sez

FINE BEFORE YOU CAME
Monk Club - Roma

La curiosità mi spinge ad andare a vedere band delle quali non ho mai ascoltato nulla, ma il nome oppure l’aver sentito parlare bene di loro da amici mi intriga a tal punto da non perdere occasione per fiondarmi. Il 21 aprile scorso è stato il cas...

May 23 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web