You are here: /

SOLSTAFIR: Berdreyminn

data

30/05/2017
75


Genere: Post metal
Etichetta: Season Of Mist
Distro:
Anno: 2017

Non appena scopriamo che la band da recensire proviene dall'isola dei geyser ci viene subito in mente la partita di calcio Italia - Islanda nella quale la nostra squadra di supercampioni professionisti fece una fatica immensa per superare una selezione praticamente amatoriale, dove i loro calciatori facevano altro di mestiere e si dedicavano al calcio per passione. Ora vi chiederete cosa centra tutto ciò con la musica, ve lo spieghiamo subito: i Solstafir sono una band che unisce il genio con alcune scelte amatoriali: la genialità la troviamo nelle idee e nelle atmosfere che sanno ricreare, l'amatorialità risiede nell'uso della voce, troppo sopra le righe a causa di un singer non particolarmente dotato che si sforza maledettamente di raggiungere vocalizzi molto difficili da raggiungere; infine la lingua (l'islandese) non è affatto musicale e stride con i suoni. Sta di fatto che il disco è una contraddizione in termini: ariose partiture contrastano con un cantato agreste, voli psichedelici e giri di basso new wave (alla Simple Minds in "Isafold"), soluzioni sinfoniche e giri di batteria scolastici, imperiosi crescendo e placide suite di piano con cori operistici in "Hula" che sanno cullare come in "Dyrafjordur"; un violino fa da preludio ad un intenso e malinconico post rock/post metal in "Hvit Saeng". Sanno ammantare le tracce di esoterismo grazie all’uso di un organo sepolcrale come in "Blafjall" e "Silfur-Refur", entrambe devastate da un cantato rovinoso, per non parlare della monotonia della prima parte di "Naros" che quando ormai rasenta la noia improvvisamente si vivacizza grazie ad una svolta cara agli U2 di 'Unforgettable Fire'. L’evoluzione dei brani è simile per la maggior parte del lavoro: inizio placido e grandiosi crescendo ne consegue un songwriting maestoso, ma voce e lingua non all’altezza. Una contraddizione in termini.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Ben frost 630x400

BEN FROST
Auditorium Parco della Musica - Roma

Compositore di musica elettronica australiano trasferitosi in Islanda, è una delle nuove leve che ha già alle spalle diverse produzioni per serie Tv, film e cortometraggi; le sue creazioni sono caratterizzate da una ritmica sganciata dall’evoluzio...

Dec 14 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web