You are here: /

UFO: THE VISITOR

data

08/06/2009
72


Genere: Hard Rock
Etichetta: SPV
Distro: Audioglobe
Anno: 2009

Alla soglia dei 40 anni di carriera(che celebrerà il prossimo anno), la storica band britannica continua ad invecchiare con dignità disco dopo disco, anche se in lento, ma costante calo. Phil Mogg fa lo stesso: espressivo come al solito, ma potenza vocale ancora in calo. A tenere su il livello del disco è la verve di Vinnie Moore, seppur limitato a ruolo di chitarrista classico. Ruolo che, comunque, l'asso americano incarna con professionalità. Un discreto livello dei brani, che rispetto al precedente lavoro gode di un approccio più bluesy, riesce ancora a giustificare la circolazione del nome dopo tantissimi anni. Non che gli UFO abbiano ancora altro da dire, ma quanto meno il loro root hard rock si fa apprezzare sia per la semplicità, sia per la passione che ancora sprigiona. Non da meno un paio di brani che potrebbero finire in una prossima raccolta celebrativa. Parlo di "Stop Breaking Down", melodia orecchiabile, vincente, da assimilazione immediata, ed assolo di Moore che si ricorda di essere ancora un chitarrista dalla tecnica sopraffina, e di Can't Buy A Thrill, altro brano che fa della melodia il suo punto di forza. Nella media tutti gli altri, energici e dinamici, ma alquanto scolastici. La produzione è buona, ma il mixaggio delle parti vocali non è all'altezza dato che Mogg sembra stia cantando dalla stanza accanto a quella degli altri strumenti, con un riverbero fastidioso che gela un po' l'amalgama delle canzoni. "The Visitor", quindi, è un disco in larga parte positivo che con qualche accorgimento in più in fase di arrangiamenti avrebbe potuto fare figura migliore, ma certo chiedere di più sarebbe pretenzioso e poco onesto nei confronti di una band che ha fatto epoca, e che lentamente si avvia alla pensione con classe immutata.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Rb

REB BEACH
Let It Beer - Roma

Una delle quattro date previste in Italia. La penultima. Due parole le spendiamo per Reb, anche se molto probabilmente inutili. Ma proprio due parole: Winger e Whitesnake. Bastano per contestualizzare la grandezza di Reb e la fortuna di essere lì, praticamente...

Nov 12 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web