You are here: /

ZIPPO: Maktub

data

27/01/2012
87


Genere: Progressive Post-Metal
Etichetta: Subsound Records
Distro:
Anno: 2011

Il dischetto del quale ci apprestiamo a decantare le lodi è un vero e proprio viaggio che ci porterà a visitare i brulli deserti americani (grazie alla componente stoner, soprattutto in "Simum" sotto effetto peyote), o le verdeggianti e lussuriose lande inglesi (definite dal lato progressive/psichedelico), commistionando tali visioni con il crossover/alternative degli anni ‘90 che ha avuto trai suoi purveyors gli Stone Temple Pilots, Soundgarden, Alice In Chains, Jane's Addiction ("Man Of Theory", con l'aggiunta di massicce dosi post metal in "The Personal Legend" e "The Omens"), ed un pò di suoni pesanti a là Mastodon. Secondo parto su Subsounds Records, scelta alquanto desueta in quanto l'etichetta romana è votata perlopiù a sonorità industrial, noise, postcore et similia, ma se il manager ha scelto di metterli sotto contratto è perché già dal precedente disco (recensito addirittura sul britannico The Sun) aveva fiutato oltre alle potenzialità intrinseche anche la loro capacità di cambiare pelle, mantenendo sempre un songwriting di eccelso livello ed un caleidoscopio di riferimenti che la taggano quale band di elevato standard qualitativo. Prodotto da Victor Love (Dope Stars Inc) e masterizzato da sua maestà James Plotkin (Old Lady Driver, Khanate, Sunno)), Isis), il suono che ne deriva non poteva essere migliore viste le cure a cui è stato affidato; i pescaresi si circondano di ospiti d'onore grazie ai quali rendono la proposta ancor più variata, come se ce ne fosse bisogno, (Luca Mai, sax degli Zu dona sperimentazione al finale di "Simum"), e Ben Ward (spoken word su "Man Of Theory") ugola degli Orange Goblin. I brani "Caravan To Your Destiny" e "We, People's Heart" sono dei veri hit da classifica (ricordano molto da vicino gli Stone Temple Pilots di 'Core'); superba la prova vocale di Dave che spazia dall'aggressivo all'evocativo, al graffiante, senza mai scadere nel ridondante, ma aggiungendo frecce al suo arco ad ogni traccia; ci chiediamo quando e se li ascolteremo in rotazione su Virgin Radio, o altre radio mainstream votate al rock.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Festivalsez

DARK HORIZON OPEN AIR II
Museumpark Rudersdorf - Rudersdorf bei Berlin, Brandeburgo

A meno di due mesi dalla prima edizione gli organizzatori del Dark Horizon Open Air decidono di bissare l'evento. Inizialmente addirittura previsto per agosto, è stato poi posticipato per l'indisponibilità del luogo della prima edizione, in proc...

Oct 7 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web