You are here: /

DEATH SS: THE 7TH SEAL

data

01/03/2006
77


Genere: Horror Metal
Etichetta: Lucifer Rising/Self
Anno: 2006

Ritorna la storica e fondamentale creatura guidata da Steve Sylvester dopo un’annata abbondante dedicata al tour ‘nostalgia’ di supporto alla raccolta “The Horned God Of The Witches”. La curiosità a proposito della nuova fatica in studio dei Death SS era molta, soprattutto dopo un disco azzardato (ma validissimo) come “Humanomalies” che spaccò letteralmente i fan per via della sua esagerata vena elettronica e sperimentale. “The 7th Seal” prosegue sul cammino della modernità, ma ripesca a piene mani sonorità puramente metalliche che rimandano direttamente all’era “Panic” e “Do What Thou Wilt” (meglio non scomodare gli ingombranti fantasmi dei classici precedenti), creando così un giusto equilibrio tra modernità e tradizione, il tutto condito con le solite atmosfere e il solito mood assolutamente inconfondibile e irriproducibile che il carisma del buon Steve sa infondere ai brani. Il disco si apre con un’opener energica e potente, anthemica quanto basta come “Give’Em Hell”, che sarà anche utilizzata dalla Federazione Italiana Wrestling. Degli ottimi presupposti che spianano la strada a una serie davvero notevole di brani convincenti: impossibile resistere al ritornello di “Venus’ Glyph”, senza dubbio il migliore del lotto, alla furia metallica di “Der Golem”, agli scanzonati refrain di “Shock Treatment” e “Absinthe” o alla dolcezza inaspettata di “Another Life”, rock ballad di eccellente fattura. A questa prima metà di tutto rispetto purtroppo corrisponde una seconda parte più fiacca, con brani decisamente trascurabili (fa eccezione “The Healer”) e sciapi, si veda “Heck Of A Day” o “Time To Kill”, per non parlare della stessa title-track che nei suoi otto minuti di durata sfoggia ottime idee ma anche tonfi clamorosi, rivelandosi in definitiva un buco nell’acqua. Ritorno dunque più che buono per i Death SS, non privo di pecche ma superiore a moltissimi prodotti attualmente in giro, anche solo per l’aura maligna che contraddistingue ogni nota suonata, magistralmente, dalla band. I re dell’horror metal sono sempre loro.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Morbid

MORBID FEST
Orion - Ciampino (Roma)

21 aprile 2022 - Con l'arrivo della bella stagione ci prepariamo a scegliere i festival i quali ci terranno compagnia durante l'estate; un ottimo assaggio è stato il Morbid Fest, una kermesse itinerante che ha portato sul palco ben otto band delle qual...

May 14 2022

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web