You are here: /

WARBRINGER

I Warbringer tirano fuori dal cilindro il loro miglior album, intitolato 'Woe to the Vanquished', mostrando una maturazione impressionante e staccandosi definitivamente da tutto quello che poteva essere tacciato di revivalismo o di moda. Le parole del frontman della band, John Kevill, sono di una lucidità impressionante e mettono in evidenza come ti puoi trovare anche con una grande etichetta, puoi avere le date fissate per i prossimi tre mesi, ma i momenti in cui calpesti la cacca ti accompagneranno sempre e solo il tuo valore ti tirerà fuori dai pasticci. Non so voi, ma dopo aver letto l'intervista all'umile e capace cantante californiano ho iniziato a considerare i Warbringer con maggiore simpatia.

Woe to the vanquished. Dal latino "Vae victis". Chi sono i vincitori e chi sono gli sconfitti in questo caso? Nella storia di Brenno e gli Antichi Romani i vincitori furono i Galli. Per aggiungere al danno la beffa, estorsero ai Romani una somma d'oro a cui era stato aggiunto il peso della spada di Brenno. La lezione era chiara: i vincitori si prendono ciò che vogliono e gli sconfitti sono totalmente alla loro mercé. La grande ironia sta nel fatto che Roma poi diventò una antica macchina da guerra, e lei stessa conquistò e soggiogò gran parte del mondo antico. Cartagine, ad esempio, fu totalmente distrutta e dopo vi fu cosparso del sale, di modo che non potesse crescere più nulla.

'IV Empires Collapse' era molto diverso dai precedenti album dei Warbringer. A sua volta 'Woe...' segna altri cambiamenti nel vostro modo di scrivere i brani. Come siete arrivati ad avere queste otto canzoni? Credo che 'Woe...' prenda le mosse da 'Empires...', con l'uso di alcuni tra gli elementi più oscuri e melodici ed alcune strutture complesse nelle canzoni. Ma 'Woe...' è stato pensato per essere più mirato, pesante e selvaggio nel suo insieme. Inoltre abbiamo scelto un suono più imponente e grosso per questo disco affinché andasse a pari passo con le sue tematiche monolitiche e monumentali.

Due canzoni in particolare sono molto diverse tra di loro, eppure 100% Warbringer: "Remain Violent" e "When The Guns Silent Fell". Descriveteci come mai la prima è così immediata e la seconda è una delle cose più epiche che avete mai scritto. In questo momento i Warbringer si estendono su un'area piuttosto ampia tra heavy, thrash e extreme metal. Cerchiamo sempre di far distinguere ogni canzone dall'altra così abbiamo diversi obiettivi quando le scriviamo. "Remain Violent" è stata creata per essere un inno super-catchy per il mosh, mentre "When the Guns Fell Silent" è stato il nostro primo tentativo voluto di scrivere un vero e proprio pezzo epico. Quindi entrambe funzionano come avremmo voluto ahahah!

Quale brano dei Warbringer è più complicato da portare dal vivo? Quelli di Woe sono testati per la resa live? Abbiamo suonato il lato A del disco. La musica dei Warbringer è faticosa da suonare dal vivo in ogni caso, ma alcune canzoni lo sono veramente tanto. La pura velocità (e le linee vocali molto dense e veloci) della title track e di "Shellfire" sono difficili da tirar fuori dal punto di vista della resistenza. "Silhouettes" è anche piuttosto difficile a causa del riff intricato e di tutti i cambi di tempo.

Tante parti di Woe sono molto estreme e già in 'IV Empires Collapse' si intravedeva qualcosa di simile. Mi piace il metal estremo, sono molto pignolo per quanto riguarda il songwriting e l'esecuzione, nel creare qualcosa di memorabile che sia anche molto estrema dal punto di vista musicale. Abbiamo sempre avuto questa influenza in un modo o nell'altro, ma in realtà si è iniziata a sviluppare in 'Waking Into Nightmares'.

Sono importanti per voi i videoclip? E le visualizzazioni, le condivisioni sui social oramai contano di più della vendita di un cd o di un brano digitale? I video musicali vanno bene. Mi piace come è uscito fuori "Remain Violent". È sicuramente molto importante avere un grande numero di visualizzazioni oggi, in quanto influenza il modo in cui sei considerato nel music business. Le vendite dei dischi e la presenza/popolarità inline sono di solito collegati tra di loro.

A proposito: i Warbringer hanno 150mila fan su Facebook. Vi piace interagire con i fan? Come vi ponete rispetto all'utente che commenta sotto al vostro video: "fa schifo"? Eh non possiamo piacere a tutti. Non c'è stato quasi nessuno che si è espresso così sul nuovo materiale, il che è incoraggiante. Faccio un sacco di commenti sia sulla pagina della band che sulla mia personale di Facebook, che è aperta per tutti quelli che vogliono aggiungermi e parlare con me. Mi piace parlare con le persone su quella piattaforma e vedere cosa hanno da dirmi, e apprezzo veramente tanto la quantità di feedback, è molto stimolante.

Quanto detto (fan, like, retweet) ha un peso sul vostro portafogli? Mi spiego meglio: la vostra musica è remunerativa come potrebbe sembrare da numeri del genere? Riuscite a vivere della vostra musica? No, per niente. Si potrebbe pensare il contrario, vero? Fare tour è molto costoso e questa è l'unica fonte di reddito. Aprendo ogni tour siamo quasi costantemente sottopagati (uno standard dell'industria). Non siamo "grandi" come band ma abbiamo comunque bisogno di queste cose per iniziare a lavorare. Nella speranza che le cose cambino con questo disco perché... sento che non siamo così lontani. I fan decideranno il nostro destino, in definitiva.

Riascoltate i vostri album? A parte l'ultimo, di cui sarete orgogliosi, ci sono canzoni, passaggi o aspetti tecnici dei vecchi album che rifareste da capo? Poche cose, molto raramente. Ero molto crudo e indisciplinato come cantante nei primi due dischi. Penso che i Warbringer siano miglirati e abbiano progredito notevolmente come band da allora quindi ci sono tante piccole cose che vorrei fossero diverse. Sono ancora molto orgoglioso della nostra musica più datata e penso sia molto forte per quanto la band era giovane e completamente nuova, ma sono ancora più fiero di quello che è diventata.

Più in generale, quando ascoltate un gruppo thrash alle prime armi quali sono i difetti che trovate nella esecuzione e nelle idee che hanno? Onestamente ce ne sono tanti. Ci sono delle eccezioni, ma molte band thrash semplicemente ammucchiano le proprie idee. I riff spesso non sono memorabili e le voci sono di solito una riformulazione e poi una ripetizione continua del titolo della canzone. Ne ascolto di buoni gruppi, ma il fattore che li limita -secondo me, e questo vale anche per gruppi black e death- è l'incapacità di far diventare le combinazioni di "riff veloci, batteria aggressiva, voci sparate o urlate" delle vere, memorabili canzoni.

Che differenza c'è tra Century Media e Napalm? Come lavorano queste grandi etichette metal? Gli artisti sono rispettati e valorizzati? Century Media aveva iniziato a seguire un sentiero più commerciale, parte dello staff dell'etichetta è stato grande (ed alcuni sono ancora amici personali!), mentre altri semplicemente non si interessavano dei Warbringer. Non siamo stati imbrogliati in alcun modo, semplicemente abbiamo dovuto promuoverci da soli poiché non eravamo una grande priorità per loro. La Napalm è una novità per me, ma sembra che ci stiano supportando molto, e questo mi piace! In realtà ci incontreremo di persona per la prima volta nell'imminente tour europeo.

Gli Havok sono usciti con un nuovo album. A me non è piaciuto per niente. I Toxic Holocaust dovrebbero pubblicare nuova musica entro l'anno. E nei mesi scorsi sono tornati due mostri sacri come Overkill e Kreator. Tra gruppi degli anni Duemila c'è concorrenza, amicizia o entrambe? E con i gruppi storici? Avete ricevuto apprezzamenti o critiche particolari da loro? Penso ci siano casi e casi. Ho fatto una chiacchierata con Mille, Ventor e Speesy l'altra sera e sono orgoglioso di dire che posso contare su di loro (e su Sami!) [sta parlando nientemeno che dei Kreator, ndFrag] come amici e quella band è sempre stata molto gentile con noi, ci ha sempre supportati, mi è piaciuto molto. Non è stato così meraviglioso fare tour con altri gruppi, e questo mi ha fatto scadere anche i loro album, è una seccatura. Sono felice di vedere quest'ondata di uscite thrash ed ho un'opinione personale su ognuna (e sono uno schizzinoso figlio di puttana!), ma posso dire che per la mia esperienza le persone pensano a se stesse per il 99% del tempo in cui sei in loro compagnia e non bisogna contare molto su un sorriso o una stretta di mano.

Altri nuovi album thrash che usciranno prossimamente e che non dobbiamo perdere assolutamente? Il nuovo dei Power Trip è molto potente, con riff scoppiettanti e schiacciasassi. A te non è piaciuto il nuovo degli Havok, anche se penso che abbiano fatto alcune cose interessanti con degli arrangiamenti più tecnici. Prossime uscite... vivo in una grotta e sono la persona più sbagliata a cui chiedere! Mi concentro molto su quello che stiamo facendo come Warbringer ed è un bel po' di roba in questo periodo.

Suonare davanti a 20 persone, di cui la metà erano i vostri genitori. Vi sarà capitato, specie agli inizi della carriera. Come ci si sente a ripensare a quei momenti oggi che avete tour lunghissimi per tutto il mondo? Può accadere ancora oggi se quel concerto è solo un tentativo o abbiamo un promoter merdoso. Il tour sudamericano dello scorso anno è stato un piccolo disastro. I concerti di merda sono parte della vita.

Siete californiani. Chiudiamo con un pensiero e un saluto al vostro presidente Donald Trump? Noi e il nostro Stato sicuramente non abbiamo votato per quel signore ed ogni giorno che passa è la prova che tutti avevano ragione su questo bugiardo. È un truffatore di prim'ordine che ha scommesso sulla stupidità delle persone nella sua strategia. Ed ha funzionato. Dannazione!

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

22728964 1866395607022985 2785805382430835657 n

WUCAN + WEDGE
Spazio Ligera - Milano

Negli spazi nascosti della taverna dello Spazio Ligera a Milano, nella serata di venerdì 3 novembre, MartianArt ha assemblato una combo dai ritmi e dalle sonorità infuocate, grazie all’apporto di due band made in Deutschland che non fanno altro ch...

Nov 21 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web