You are here: /

BEHEMOTH: PANDEMONIC INCANTATIONS

data

01/12/2007
85


Genere: Death/Black Metal
Etichetta: Solistitium Records
Distro:
Anno: 1998

Carichi di blafemia e malvagità come non mai, i Behemoth tornano alla carica con questo nuovo full lenght, che sancisce definitivamente la rottura della crisalide: il piccolo "bruco" blackster è ormai diventato una terribile e malvagia, quanto splendida creatura alata. Proprio così: in questo album i Behemoth sono diventati dei ferocissimi deathster, pur mantenendo una certa matrice black metal. I nomi a cui si potrebbe accostare la nuova creatura sono Morbid Angel (soprattutto), Belphegor, primi Vital Remains. E quindi parliamo un po' dei nuovo Behemoth dicendo che in luce alla nuova strada intrapresa, la componente tecnica del loro sound si è spaventosamente ampliata, e dimostrando di aver pienamente raccolto l'eredità dei maestri floridiani, il riffing è diventato quanto mai complesso e articolato, legandosi alla tecnicissima e brutale batteria del neo-arruolato Inferno. Ma della sporcizia e pesantezza dei loro "maestri" qui vi è poca traccia: il sound è tiratissimo e molto violento, con un certo retrogusto Black. Bel lavoro anche per quanto riguarda la solistica, ispirata e tecnicamente molto valida, pur non perdendosi in vuoti arabeschi. Le tastiere sono un po' meno presenti, in confronto ai lavori precedenti, ma c'è da dire che i succinti inserimenti di quest'ultime si rivelano sempre azzeccati (la traccia 'In Thy Pandemaeternum' ne è prova). Insomma, ascoltando quest'album l'ascoltatore non ha nemmeno il tempo di capire cosa sta accadendo mentre viene percosso a tutta forza da Nergal e soci. E credetemi, non è cosa che si dimentica facilmente l'ascolto di contanta tecnica e complessità mista a una violenza estrema e a una fredda attitudine Black Metal. I Morbid Angel hanno fatto proselitismo, si sa, e forse i Behemoth sono i loro primi discepoli. Ma credetemi, questa definizione non rende giustizia ai polacchi, loro brillano di una luce e propria. Sarebbe un grave errore considerarli i "Morbid Angel più veloci, più violenti, più pittati in volto". Qualche curiosità: esiste una versione polacca dell'album, che chiude l'album con il brano 'Chawala Mordercom Wojciech', interamente cantato in lingua madre. Altra cosa: dopo l'ultimo brano ci sono 57 mini tracce assolutamente silenziose, con chiusura alla traccia 66.

_ PER I FANS DI Morbid Angel - Belphegor - Nile

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

HYPOCRISY – SEPTICFLESH
Orion - Ciampino (Roma)

Primo grande evento della stagione concertistica autunnale della capitale e quale migliore occasione per assistere al set di due band che, in maniera diversa, hanno fatto la storia del genere estremo. "Apertura delle danze" riservata ai finlandesi Horizon I...

Nov 22 2022