You are here: /

ILIUM: Genetic Memory

data

24/08/2011
60


Genere: Heavy Metal
Etichetta: Escape Music
Distro:
Anno: 2011

Strana band questi Ilium. I 3/4 sono di stanza in Australia, mentre alla voce troviamo il favoloso Mike Di Meo, noto per il suo trascorsi nei Riot, Lizard e Masterplan. Il combo è attivo discograficamente dal 2003, e questo 'Genetic Memory' è il quinto disco prodotto dal quartetto, il secondo edito anche in Europa (in pratica da quando Di Meo è in pianta stabile nella band). Quel che la band offre è un corposo heavy metal d'annata con pesanti richiami a band quali Judas Priest, Grave Digger, Maiden ed i primi Raven. L'occhio cinico e fetente cade subito sulla produzione che è lacunosa per quel che concerne le parti di chitarra che prendono forma come una fastidiosa zanzara estiva, mentre il resto è eccellente, anche le parti di tastiere non offendono, ma si permeano egregiamente all'interno del lavoro. La prova di Di Meo è buona, forse troppo sbraitata e portata all'eccesso perchè il power proposto è eccellente come costruzione e armoniosità, ma le linee vocali purtoppo non sono alla stessa altezza. In pratica, quanto offerto musicalmente parlando non si sposa alla perfezione con le melodie. "Genetic Memory" è l'episiodio più riuscito dell'intero lavoro, ottimi cambi di tempo e assoli splendidamente intrecciati, mentre "Littoria" è mistica ed epica. Tutto sommato un buon lavoro, ottimamente suonato che scorre piacevole senza troppi fronzoli. Magari dovrebbero limitare le uscite in modo da concentrare i brani migliori in un solo disco, e non diluirli nei cinque dischi prodotti in otto anni. E magari Di Meo dovrebbe cantare come sa.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Shoresnull

SHORES OF NULL
Traffic - Roma

‌In tempi di covid ritrovarsi ad un concerto metal in un club pieno per i 4/5 della capienza è una straripante vittoria. Il merito è tutto delle due band romane che hanno condiviso il palco (chiedo venia agli Inno che non troveranno copertura in qu...

Dec 28 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web