You are here: /

SEPULTURA: BENEATH THE REMAINS

data

02/09/2004
84


Genere: Thrash/Death Metal
Etichetta: Capitol
Anno: 1989

Abbandonate almeno parzialmente le troppo evidenti influenze slayeriane che ne hanno segnato gli esordi, i Sepultura spiccano con questo “Beneath The Remains” il primo consistente balzo in avanti della loro carriera. Le chitarre hanno un suono allo stesso tempo grezzo e rugginoso mentre le pulsazioni della batteria sono secche, scarne, ma perfettamente amalgamate nel contesto creato da Mr. Scott Burns, produttore leader del death metal a cavallo tra anni ottanta e novanta. In tutto sono nove brani che oscillano continuamente tra thrash e death metal, mostrando qua e là qualche celata reminescenza hardcore punk; i riff di Kisser e il drumming di Igor Cavalera possono apparire semplici o ripetitivi quanto volete, ma è innegabile il fatto che il mix di immediatezza e aggressività che ne deriva abbia davvero un impatto disarmante. È impossibile infatti rimanere indifferenti dinnanzi a pezzi capolavoro, che hanno segnato la storia della band, come “Inner Self” o la stessa title track. La voce di Max Cavalera è sempre più feroce e adatta a urlare al mondo la rabbia dei quattro brasiliani, un'avversione totale che emerge con forza anche dalle lyrics firmate dalla coppia di chitarristi. Senza inutili giri di parole, i testi sono lucide e ciniche analisi della situazione tutt’altro che rosea in cui si trova la razza umana (“I step on skull of generations that have not formed, I hear painful cries of wars that are to come”). Ognuna delle nove tracce proposte meriterebbe una lode particolare, ma il miglior pregio di questo lavoro è la compattezza d'insieme dei vari pezzi, che rende "Beneath The Remains" uno dei masterpiece della band. Se la strepitosa "Mass Hypnosis", con quei suoi cambi di ritmo imprevedibili e spietati è una delle migliori composizioni di sempre dei Sepultura, il resto del disco si mantiene comunque su livelli elevati: altri due brani di valore assoluto come "Sarcastic Existence" o "Primitive Future" (il classico colpo di grazia) dovrebbero fugare ogni dubbio sulla qualità di "Beneath The Remains", un album cui dovete riservare obbligatoriamente un posto sul vostro scaffale.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Pentagramtrafficsez

PENTAGRAMM
Traffic - Roma

La via che porta al Traffic, la Prenestina, non è certo un’autostrada, ma la sera del 5 agosto, credetemi, percorrerla è stato come trovarsi in una Highway To Hell. Temperature a dir poco luciferine. Come quelle che abbiamo trovato al locale, dove...

Aug 12 2022

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web