You are here: /

Y&T: Voglia di ristampe

Ytearthsez

Tre album leggendari (da avere!) degli Yesterday And Today rivitalizzati nel sonoro dalla Rock Candy con un impatto audio deflagrante. Amatissimi anche nel vecchio continente, i Y&T riuscirono a conquistare i cuori dei rocker grazie ai loro infuocatissimi ed aggressivissimi album, zeppi di rock’n’roll anthem contornati da riff a presa rapida. I Y&T sono un passaggio obbligato per chi volesse apprendere l’hard & heavy americano, grazie alla loro capacità di sintesi perfetta della scrittura, non è un caso che il pubblico inglese, investito dall’onda sonica della nwobhm, adottò il quartetto americano di ‘Earthshaker’ (era il 1981) comparandolo ad altri astri nascenti come Saxon ed Iron Maiden. È l’album con il quale Meniketti e soci passarono dalla piccola London Records alla major A&M Records, accorciando il monicker come abbiamo iniziato ad apprezzare i Y&T. Con un titolo come ‘Earthshaker’ non si va molto per il sottile, raccoglie dieci brani, tra cui i primi nove sferzati da un’irruenza che a stento si contiene; con ‘Hurricane’, ‘Knock You Out’, ‘Hungry For Rock’ e ‘Squeeze’ si viene investiti da un serrato cannoneggiamento da due chitarre a dir poco indiavolate. Troppo heavy per un mercato come quello americano non ancora pronto a recepire l’irruenza dei Y&T, ma accolti a braccia nella terra del sol levante e nella vecchia Europa.

Per saldare ulteriormente il rapporto tra il gruppo di San Francisco con la Union Jack, ‘Black Tiger’ prese forma tra le quattro mura della fortezza del metallo inglese, i Ridge Farm Studios, dove sotto la guida del guru Max Norman furono registrati alcuni tra i capolavori del metal mondiale: ‘Blizzard Of Ozz’, ‘Diary Of A Madman’, ‘Power Of The Night’, ‘Delirious Nomad’, ‘License To Kill’, ‘Thunder In The East’, ‘Lightning Strikes’ e ‘Soldier Of Fortune’. Il tocco di Norman si sente nei suoni, cristallini e ricchi di effetti, si riflettono sulle chitarre affilatissime, per l’album che meglio rappresenta il primo periodo per il quartetto proveniente dalla Bay Area. ‘Open Fire’, ‘Don’t Wanna Loose’, la title track ma, soprattutto, la cavalcata ‘Forever’ sono ancora oggi dei cavalli da battaglia nei concerti dei Y&T. Ne sanno qualcosa i fortunati che presero parte alle due apparizioni al mitico Marquee club di Londra, così come chi si presentò all’edizione del 1982 del Reading Festival per gustarsi anche gli Iron Maide, MSG, Gary Moore e Tygers Of Pan Tang, oltre ai Budgie, Blackfoot e molti altri. Onore alla magnifica copertina creata dal genio di John Taylor Dismukes, responsabile delle copertine per Keel, Foreigner, Winger, Lynch Mob, Badlands e Megadeth.

Il legame con la regina d’Inghilterra prosegue anche per la stesura di ‘Mean Streak’, sotto le direttive di un altro maestro dei suoni Chirs Tsangarides (Thin Lizzy, Judas Priest, Anvil e Girlschool tra gli assistiti) la direzione musicale non prese sbandate, ma venne concessa più enfasi sulle parti melodiche. I Y&T non persero una sola oncia della loro proverbiale forza muscolare, ma nel complesso ai nuovi brani giova parecchio l’apporto melodico, anche nel tentativo di strizzare un occhio verso il proprio continente che ancora sembrava non accorgersi del loro talento. ‘Midnight In Tokyo’ è un piccolo gioiello, è tra le cose più belle ed intense uscite dalla penna di Dave Meniketti, ma non sono da meno ‘Lonely Side Of Town’, ‘Breaking Away’, ‘Hang’Em High’, la tilte track (per la quale fu registrato un video clip) e ‘Take You To The Limit’. La band affronterà un tour europeo in compagnia di Ozzy Osbourne, mentre sul suolo americano saranno di supporto a RJ Dio, che coinvolgerà Meniketti due anni più tardi al progetto benefico Hear ‘N Aid, a cui prese parte la crème del metal mondiale. John Taylor Dismukes bissa con un’altra affascinante e mortale copertina per ‘Mean Streak’.

EARTHSHAKER
01. For Rock
02. Dirty Girl
03. Shake It Loose
04. Squeeze
05. Rescue Me
06. Young And Tough
07. Hurricane
08. Let Me Go
09. Knock You Out
10. I Believe In You
 
BLACK TIGER
01. From The Moon
02. Open Fire
03. Don't Wanna Lose
04. Hell Or High Water
05. Forever
06. Black Tiger
07. Barroom Boogie
08. My Way Or The Highway
09. Winds Of Change
 
MEAN STREAK
01. Mean Streak
02. Straight Thru The Heart
03. Lonely Side Of Town
04. Midnight In Tokyo
05. Breaking Away
06. Hang 'Em High
07. Take You To The Limit
08. Sentimental Fool
09. Down And Dirty
10. I’m Not Sorry (Bonus Track)
 
Line-up:
Dave Meniketti: Lead vocals, Lead guitar
Joey Alves: Rhythm guitar, Vocals
Phil Kennemore: Bass, Vocals
Leonard Haze: Drums
 
Discography
Yesterday And Today (1976)
Struck Down (1978)
Earthshaker (1981)
Black Tiger (1982)
Mean Streak (1983)
In Rock We Trust (1984)
Down For The Count (1985)
Contagious (1987)
Ten (1990)
Musically Incorrect (1995)
Endangered Species (1997)
Facemelter (2010)
Acoustic Classix Vol.1 (2018)

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Tangerine dream new line up

TANGERINE DREAM
Auditorium San Domenico - Foligno (PG)

Nell’ambito della rassegna 'Dancity' (come chiarisce il titolo stesso perlopiù votata alla musica dance), arrivata alla 12° edizione, il giorno 24 agosto abbiamo scoperto una cittadina di raggiante bellezza, vitale, piena di locali e di gente...

Oct 16 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web