You are here: /

IMMOLATION: DAWN OF POSSESSION

data

04/09/2008
95


Genere: Death Metal
Etichetta: Roadrunner Records
Anno: 1991

Primi anni Novanta: la scena metal "mainstream" inizia a risentire di una certa stanchezza e molte delle band che nel decennio appena trascorso avevano impazzato si trovano in un attimo di smarrimento. I Metallica cambiano genere spiazzando tutti, gli eccessi dei vari Axl Rose, Dee Snider e Nikki Sixx sembrano aver stancato i più, l'NWOBHM è drammaticamente spacciato, i fan degli Iron Maiden iniziano a temere che per gli Dei del metal sia arrivato il crepuscolo, per i vari Testament, Megadeth e Anthrax arriva il momento di cambiare le carte in tavola e i Pantera impartiscono una nuova lezione alla musica e a se stessi. Questa fase di assestamento del metal è stata l'humus perfetto per la svolta estrema: dopo essere nati e cresciuti nei meandri più scuri e marci dell'underground, le terribili e malvage creature del metal estremo cominciano a mostrarsi in superficie. E' in questo periodo che i discepoli dei vari Venom, Slayer, Possessed, Necrovore, Celtic Frost e compagnia bella fanno la loro apparizione: i Death pubblicano 'Scream Bloody Gore', i Morbid Angel 'Altars Of Madness', i Deicide l'omonimo, i Cannibal Corpse 'Butchered At Birth' senza contare poi i vari Obituary, Dismember, Grave, Hipocrisy, Suffocation e via dicendo. E tra questi c'erano anche i newyorkesi Immolation, che con 'Dawn Of Possession' fanno il loro battesimo di sangue. I demoni stupratori della copertina avvertono l'ignaro ascoltatore che le sue orecchie stanno per fare la stessa fine delle "angelesse" finite tra le loro grinfie. A dire il vero, più che di stupro parliamo di amore violento, perchè nella sua ferocia e imprevedibilità, le dieci tracce di 'Dawn Of Possesion' sono tutto fuorchè una sofferenza per chi ascolta. La terrificante e cavernosa voce dell'inossidabile Ross Dolan danno il benvenuto dopo che gli ottimi Rob Vigna (uno de più grandi chitarristi del genere) e Tom Wilkinson hanno iniziato il loro lavoro di implacabile costruzione di riff potenti, tecnici e velocissimi. Senza pensarci troppo, ci si trova davanti agli imprevedibili cambi di tempo della mazzata morbidangeliana "Despondent Souls", brano dalla forte componente tecnica e violenta, dove star dietro all'intricatissimo riffing degli axe-man diventa una vera questione di riflessi mentali, soprattutto in episodi come "No Forgivenesss (Without Bloodshed)" e l'impressionante "Burial Ground". Altro brano da segnalare è la lunga ed articolata "After My Prayers", che definire imprevedibile è dir poco. La bellezza di questo album, poi, sta nel fatto che non si ha un attimo di noia: i riff sono cattivi e grezzi quanto basta, nonostante la forte componente tecnica che non risulta mai fine a sè stessa o esagerata. Anche la produzione, sporca e cupa quanto basta, ci mette del suo, sottolineando alla perfezione la forte carica anti-religiosa e "deicida" (ma non blasfema) dei testi. Non c'è davvero molto da aggiungere, se non che 'Dawn Of Possession' è solo l'inizio della carriera di uno dei mostri sacri del Death metal, nonchè un esempio di quanto fosse perfetto lo stato si salute del genere negli anni Novanta.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Aromysez

ARMORY
Plan B - Malmö

Con le restrizioni causa Covid-19 che si inaspriscono (niente alcool dopo le 22 e numero massimo di partecipanti ridotto all'indomani dell'evento da 50 a 8), questo in esame potrebbe essere stato l'ultimo appuntamento del genere per chissà quanto t...

Nov 26 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web