You are here: /

WHITE STONES: Kuarahy

data

12/05/2020
82


Genere: Prog Death Metal
Etichetta: Nuclear Blast
Distro: Warner Bros
Anno: 2020

Progetto solista di Martin Mendez, iniziato nella sua stesura durante un periodo di stop dopo il tour dell’album ’Sorceress’ con gli Opeth; gruppo con cui attualmente suona e che per certo ha influenzato il sound del lavoro in questione. Tali influenze le si possono ritrovare sin dalla seconda traccia “Rusty Shell”, che presenta forti caratteristiche di rimando agli album del periodo più intriso di black/death metal, prima della definitiva sterzata verso il progressive rock. Le somiglianze iniziano certamente dalle partiture di batteria che riesce insieme alle chitarre a far ritrovare all’ascoltatore quel sapore così opethiano. Nonostante le influenze sopracitate, Mendez con il progetto ‘Kuarahy’ vuole tornare alle sue radici d’appartenenza: il death metal più crudo. Tale volontà la si può percepire in tutte le dieci tracce, avendo anche dei preziosismi che si discostano dal genere puro. Un esempio è la traccia “Gurya” che presenta una strumentale che si alterna fra il rilassante ed il movimentato, tutto questo grazie ad un ottima sinergia fra le partiture di batteria, suonata da Jordi Ferré, e chitarra. Dopo di questa si viene catapultati in “Ashes”, dai toni decisamente appartenenti al death metal, che presenta appieno l’aggressività dei vocalizzi di Eloi Boucherie. Le tracce che seguono infatti sono tutte più  standard nel genere, fino ad arrivare all’ultima breve traccia “Jasy”, completamente strumentale che si presta perfettamente come chiusura dell’album.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Shoresnull

SHORES OF NULL
Traffic - Roma

‌In tempi di covid ritrovarsi ad un concerto metal in un club pieno per i 4/5 della capienza è una straripante vittoria. Il merito è tutto delle due band romane che hanno condiviso il palco (chiedo venia agli Inno che non troveranno copertura in qu...

Dec 28 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web