You are here: /

OPETH: MY ARMS YOUR HEARSE

data

07/04/2004
100


Genere: Death Metal & More
Etichetta: Candlelight
Anno: 1998

Questo è uno dei tipici lavori per cui mi verrebbe voglia di consegnare come recensione una pagina vuota, tanto inutile risulterebbe il tentativo di spiegare con mere parole la profondità e la complessità di un’opera d’arte così armoniosamente cupa. Provando ugualmente a sviscerare attraverso una breve analisi la terza fatica della prolifica band svedese, non possiamo non cominciare dal titolo dell’album, “le mie braccia, il tuo carro funebre”. Ancor prima di cominciare a suonare, la band riesce con un titolo così emblematico ad evocare gli universi più grigi, i pensieri più bui, le lacrime più amare. Per non parlare dell’immagine di copertina, perfetta con i suoi toni morti nell’abbracciare il senso di sconforto che prende vita sugli spartiti di Akerfeldt. La narrazione scorre vorticosamente, spaziando da riflessioni soffuse ad esplosioni di sontuoso death metal che a volte lasciano il campo ad accenni di un black tormentato e sinistro, simile per certi versi a quello glaciale proposto dagli Immortal in “Battles In The North”, tanto penetrante è il gelo che stritola il cuore dell’ascoltatore (a tal proposito ascoltate “April Ethereal”). Ed è proprio questo il bello degli Opeth: l’inclassificabilità assoluta della loro musica, capace di conglobare in uno stesso brano la ferocia del death più nichilista con ambientazioni prog dark da sindrome di Stendhal musicale! E come se non bastasse il risultato complessivo è di una compattezza disarmante, come se far convivere elementi così distanti fra loro sia la cosa più naturale di questo mondo. Difficile indicare il brano migliore di questo masterpiece; potrebbe essere la variopinta “Demon Of The Fall”, con i suoi mille cambi di scenario, oppure la già citata “April Ethereal”, oppure ancora la conclusiva “Epilogue”, morbido affresco strumentale che chiude nel migliore dei modi un album che all’epoca è quasi passato inosservato, salvo poi rivelarsi uno dei lavori più meritevoli degli anni novanta.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

  • Awake

    Molto bella la recensione, peccato per la brevità. Album di una classe senza eguali.

Lascia un commento

live report

Appunti01

HYPOCRISY – SEPTICFLESH
Orion - Ciampino (Roma)

Primo grande evento della stagione concertistica autunnale della capitale e quale migliore occasione per assistere al set di due band che, in maniera diversa, hanno fatto la storia del genere estremo. "Apertura delle danze" riservata ai finlandesi Horizon I...

Nov 22 2022

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web