You are here: /

DIAMOND HEAD: Lightining To The Nations 2020

Dh

Sono stati incisi tanti grandi dischi, innumerevoli top album, lavori che indiscutibilmente hanno fatto la storia e/o influenzato le generazioni successive che hanno ricevuto entusiastiche, ma quanto classiche recensioni. Considerato che si tratta dei "biggest records", (biggest perchè "grande" in tutti i sensi), abbiamo pensato bene di dare loro la giusta visibilità e la dovuta dimensione con speciali che provano a scavare in fondo fin dentro le viscere dei contenuti degli album.

Nella vita si merita sempre una seconda chance. Ma non vale sempre in musica. Eppure ‘Lightning To The Nations’ dovrebbe meritarsi un’altra possibilità, ed è quello che hanno pensato i Diamond Head. La nuova versione datata 2020 si rilancia con un suono svecchiato (l’anno di pubblicazione risale al 1979), nelle intenzioni fedele all’edizione nota, suonato con tanta grinta e quell’attitudine da ‘losers’ di culto che ha sempre contraddistinto e limitato lo storico gruppo inglese. C’è chi storcerà il naso a riascoltare alcuni di questi super classiconi della NWOBHM svuotati dalla carica istintiva, e da quella urgenza giovanile, che ha folgorato una generazione, tra cui un inerbe Lars Ulrich, che trascinerà i suoi amici James Hetfield e Dave Mustaine alla scoperta dei Diamond Head e di tutta l’avanguardia musicale inglese del periodo. Non si coglie quello spirito antico oramai svanito ma Brian Tatler (unico membro rimasto, nonché leader storico) ha saputo riprodurre il tiro impressionante che avevano in dote i ‘vecchi’ Diamond Head. Sette classici rivestiti sotto nuova luce, un gesto doveroso anche solo per ridare smalto a ‘Lightning To The Nations’, un esordio pazzesco che non raccolse quanto avrebbe meritato: la rivista giapponese Burrn! classificò l'album al terzo posto tra gli album con i migliori riff di sempre! Ne sanno qualcosa i Metallica che ne hanno da sempre tessuto le lodi, attingendone a mani basse ("The Prince", "Am I Evil?", "It’s Electric" ed "Helpless"), contribuendo in modo determinante a tenere a galla nella memoria di tutti il nome dei Diamond Head: una band dalla personalità strabordante. Questa versione si arricchisce dei rifacimenti di quattro classici dell’hard & heavy mondiale: "Immigrant Song" (Led Zeppelin), "Sinner" (Judas Priest) e "Rat Bat Blue" (Deep Purple). Citazione a parte per gli amici Metallica: scelta ricaduta su "No Remorse", quasi un’autocitazione visto il notevole riferimento da parte del gruppo di Frisco nei confronti dei Diamond Head.

P 1980-2020 Silver Lining Music
 

Tracklist:
01 Lightning To The Nations
02. The Prince
03. Sucking My Love
04. Am I Evil?
05. Sweet And Innocent
06. It’s Electric
07. Helpless
08. No Remorse
09. Immigrant Song
10. Sinner
11. Rat Bat Blue
 
Line-up:
 
Brian Tatler: Lead, Rhythm Guitars
Rasmus Bom Andersen: Vocals, Orchestration, Additional Guitars
Karl Wilcox: Drums
Andrew “Abbz” Abberley: Rhythm, Lead Guitars
Dean Ashton: Bass, Organ
 
Discography:
1980 – Lightning To The Nations
1982 – Borrowed Time
1983 – Canterbury
1993 – Death & Progress
2005 – All Will Be Revealed
2007 – What's In Your Head?
2016 – Diamond Head
2019 – The Coffin Train

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Mdslide

METAL DAYS - WEEKEND OF SOLACE
- Tolmin

Il festival Metal Days era stato cancellato, ma gli organizzatori, con minimo preavviso, visto l'opportunità di organizzare qualcosa di simile e forti di 2000 potenziali adesioni richieste via web entro una certa data per portare avanti il processo organiz...

Sep 23 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web