You are here: /

MICHAEL AZERRAD: American Indie 1981-1991

American indie 659x963

Tredici biografie, tredici spaccati di altrettante band nell’era in cui non esisteva internet che permetteva di diffondere in pochi attimi ed in tutto il mondo l’uscita di un disco, o annunciava un tour/concerto; nell’era della protesta contro la politica Americana dell'amministrazione Reagan, della nascita delle etichette underground che contrastavano l'egemonia delle major per ritagliarsi una fetta di pubblico e sopravvivere con l’etica del Do It Yourself (SST, Blast First, Homestead, Dischord). Nell’epoca in cui i tour li organizzavano le band stesse tramite il passaparola oppure attraverso i contatti che avevano stabilito con le formazioni delle città in cui andavano a suonare, nel decennio in cui per un concerto potevi essere pagato 5/10 dollari, viaggiando per un mese in un  furgone maleodorante che cadeva a pezzi, nel quale c’era a malapena lo spazio per gli strumenti e si doveva viaggiare in 4/5 persone in condizioni proibitive le quali acuivano le tensioni/gelosie/invidie che immancabilmente si sono generate da quando esistono le formazioni. La violenza era all’ordine del giorno (chiedete a Greg Ginn o Henry Rollins sugli sputi e bottigliate ricevute, sulle risse che si generavano ad ogni loro live oppure cosa significasse vivere da hardcorers a los angeles, venendo fermati dalla polizia 5 giorni a settimana a causa di un look che non era quello comunemente accettato dalla società di allora). Non avere i soldi per sfamarsi e dover attendere gli amici che finivano il turno dai fast food per farsi portare qualcosa da mettere sotto i denti, del vivere in uno scantinato fatiscente trasformato in sala di registrazione, del fare le prove per 6 giorni a settimana per raggiungere la perfezione: Del cambiamento della personalità derivante dalle situazioni violente a livello fisico e psicologico che avevano come conseguenza la ricerca dell’isolazionismo di Henry Rollins (Black Flag) o, durante i tour, il dover dormire per terra in mezzo a merda, cani, gatti e topi dei centri sociali. L’essere arrivati ad uno sputo dal successo mondiale e tirarsi indietro per pigrizia (Dinosaur Jr) o perché non si sentivano adatti alla vita da rockstar (Mudhoney), l'epopea dei Sonic Youth e l'anticonformismo di Steve Albini (Big Black) che lo ha portato ad essere uno dei produttori più ricercati.

La vita da squatters perennemente sotto acido, l’inventarsi espedienti per sorprendere il pubblico a livello visivo (suonare immersi in un bidone pieno di merda – essere inseguiti e gonfiati di botte per aver insultato il pubblico olandese durante un concerto e riuscire a scamparsela inventando una scusa relativa ad un fantomatico cancro al cervello che gli impedisce di pensare prima di parlare - Butthole Surfers). Questi sono solo alcuni degli aneddoti di cui il libro è pieno ma alla fine di tutto il messaggio forte e chiaro che il libro lascia trasparire è che per portare avanti una band bisogna avere un attitudine pronta a farti sputare sangue, altrimenti la strada è breve, perchè American Indie non è da intendersi come pura accezione del termine cui siamo abituati oggi per indie rock ma come indipendent punk rock.

1981 - 1991 - 10 ANNI DI ROCK UNDERGROUND
Black Flag
Sonic Youth
Big Black
Butthole Surfers
Fugazi
Minor Threat
Minutemen
Husker Du
Dinosaur Jr
Mudhoney
Replacements
Mission Of Burma
Beat Happening

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web