You are here: /

FOGHAT: Voglia di ristampe

Foghat foolcity

Inglesi d’origine, ma trapiantati negli States, i Foghat sono considerati delle leggende da palco per come sapevano infiammare i loro spettacoli. Tre su quattro provenivano dai Savoy Brown (hard blues rock band seminale), reclutata poi una seconda chitarra ed oltrepassato l’Atlantico i Foghat iniziarono a raccogliere consensi e dischi d’oro, soprattutto con ‘Fool For The City’, oggi ristampato insieme all’incendiario ‘Live’ dalla Rock Candy, in versione audio remastered e reloaded, entrambi sprovvisti di bonus aggiuntive. Partiamo da ‘Fool For The City’, quinto album per il quartetto londinese ed il primo a raggiungere il ragguardevole traguardo del disco di platino, trascinato dal singolo "Slow Ride": grande ed imprescindibile classico che mutò le sorti commerciali dei Foghat. L’album contiene sette tracce, tra cui due rifacimenti ("My Babe" dei Righteous Brothers, ritornarono in auge grazie al movie ‘Ghost’ musicato da "Unchained Melody", e "Terraplane Blues" accreditata a Robert Johnson), oltre alla già citata "Slow Ride", la title track è un altro ottimo esempio di heavy boogie da suono massiccio, di quello che smuove le budella. "Drive Me Home" è un altro prototipo di boogie rock trascinante, uno dei quei brani in grado di scalzare anche le vecchiette dalle poltrone: "Take It Or Leave It" non è esattamente una ballad, ma una pregevole carezza acustica, delicata e soave cantata con il giusto trasporto da Peverett.

Negli anni ’70 i live album potevano rappresentare, come fu per i Foghat, un momento topico della carriera e ‘Live’ non sfugge a questa regola, con i suoi 2 milioni di copie certificate solo negli USA: è la perfetta fotografia dell’attitudine selvaggia che Dave Peverett, Rod Price, Nick Jamison (produttore del medesimo live), e Roger Earl erano in grado di eruttare durante i loro show. Affiatatissimi, con in dote un tiro impressionante (nonché bravi con i rispettivi strumenti), grazie alla precisa e poderosa seziona ritmica, i Foghat con il loro stile semplice ma efficace e viscerale (entusiasmanti i fraseggi delle chitarre gemelle imbracciate da Peverett e Price), seppero ispirare molti gruppi ma, soprattutto, solleticare l’immaginario di rock band negli americani. "I Just Want To Make Love To You" (firmata Willie Dixon e ripresa dai Foghat sul primissimo disco) con i suoi 8’ ed oltre è perfetta per essere dilata e lasciare le chitarre libere di improvvisare, mentre "Honey Hush" è un treno in corsa: quasi spasmodica nella sua irruenza e forza d’urto. A "Slow Ride" il compito di chiudere il set, a sublimazione di un ‘Live’ entrato di diritto nella storia di grandi live album degli anni ’70, accanto ai vari 'Alive!’ (Kiss), ‘At Fillmore East’ (The Allman Brothers Band), ‘At Budokan’ (Cheap Trick) e ‘Frampton Comes Alive!’ (Peter Frampton), solo per citare alcuni dei capisaldi.

P 1975 - 1977/2019 Rock Candy Records

Fool For The City
01. Fool For The City
02. My Babe
03. Slow Ride
04. Terraplane Blues
05. Save Your Loving (For Me)
06. Drive Me Home
07. Take It Or Leave It
 
Live
01. Fool For The City
02. Home In My Hand
03. I Just Want To Make Love To You
04. Road Fever
05. Honey Hush
06. Slow Ride
 
Line-up 'Fool For The City'
Lonesome Dave Peverett lead vocals, guitar, heavy breathing
Rod The Bottle Price guitar, slide guitar, Steel guitar, vocals
Nick Jameson bass, keyboards, guitar, vocals, producer
Roger Earl drums, percussion
 
Line-up 'Live'
Lonesome Dave Peverett lead vocals, guitar
Rod Price lead guitar, slide guitar, vocals
Craig Macgregor bass, vocals
Roger Earl drums, percussion
 
Discography:
1972 - Foghat
1973 - Foghat (aka Rock and Roll)
1974 - Energized
1974 - Rock and Roll Outlaws
1975 - Fool for the City
1976 - Night Shift
1977 - Foghat Live
1978 - Stone Blue
1979 - Boogie Motel
1980 - Tight Shoes
1981 - Girls to Chat & Boys to Bounce
1982 - In the Mood for Something Rude
1983 - Zig-Zag Walk
1994 - Return of the Boogie Men
1998 - Road Cases Live
1999 - King Biscuit Flower Hour Live
2003 - Family Joules
2004 - Eight Days on the Road Live
2006 - Live II
2009 - Live at the Blues Warehouse
2010 - Last Train Home
2016 - Under the Influence
2017 - Live At The Belly Up

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web